Afghanistan, violenta esplosione nel mercato di Kandahar: 23 vittime

0
72

In Afghanistan, una terribile esplosione nel mercato popolare di Kandahar ha provocato la morte di 23 persone. 

Nella giornata di oggi a Kandahar, una città che si trova nel sud dell’Afghanistan, si è verificata una violenta esplosione nel mercato popolare del luogo che ha provocato la morte di ventitré civili.

A rendere nota questa tragedia, sono state fonti ufficiali del governo. L’ennesimo dramma in uno stato in cui purtroppo, esplosioni, attentati e morte sono la normalità da anni. 

Lo scorso 12 maggio infatti a Kabul, un kamikaze si è fatto esplodere davanti alla sede dell’ospedale di Medici Senza Frontiere. 

Questa sanguinosa battaglia civile che attraversa il paese sembra non avere fine. Anzi, purtroppo i dati dicono che ci troviamo di fronte a una realtà che diventa sempre più drammatica con il passare degli anni. Infatti, soltanto nei mesi compresi tra luglio e settembre 2019, più di 4 mila civili sono rimasti uccisi o feriti a causa di attentati e esplosioni causati da kamikaze o bombe. Un aumento del 42 per cento rispetto all’anno precedente. 

Leggi anche: Iran, mandato d’arresto per Trump: accusato dell’uccisione di Soleimani

Afghanistan: nessuna ripresa del dialogo tra Stati Uniti e Talebani

Gli Stati Uniti cercano ormai da anni di raggiungere un accordo di pace con i talebani. Il dialogo tra le due parti era iniziato ufficialmente in Qatar il 13 ottobre del 2018. Lo scopo era quella di mettere fine a una guerra nel paese che dura da ben di 18 anni. Si era inoltre anche iniziato a discutere di un possibile ritiro delle truppe americane dal paese. 

Per il momento però, nessun risultato concreto è ancora stato raggiunto. Inoltre, a novembre dello scorso anno, si è verificata una tragedia che ha forse segnato in modo irrimediabile la fine di questi colloqui di pace tra le due parti. 

Nella provincia settentrionale di Baghlan, un ordigno piazzato lunga una strada statale, esplose provocando la morte di otto persone. Le vittime in quel momento erano in viaggio in macchina verso il villaggio di Akakhel. Tra di loro c’erano purtroppo anche quattro bambini.

Leggi anche: Coronavirus, Zaia dichiara: “In Veneto ci sono ancora 22 focolai”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui