Morto Marian Cisovsky, l’ex calciatore lottava contro la SLA

All’età di 40 anni è morto l’ex calciatore del Viktoria Plzen, Marian Cisovsky, che lottava da tempo contro la sclerosi multipla amiotrofica

Il mondo oggi deve dire addio a Marian Cisovsky, ex calciatore del Viktoria Plzen morto a soli 40 anni a causa della SLA. La sua battaglia contro questa malattia neuro degenerativa è iniziata nel 2014 ed è continuata fino al giorno del decesso. Ad annunciare il tragico evento è stato proprio il suo ultimo club tramite Twitter, il quale ha scritto: “Oggi è il giorno più triste. Dobbiamo annunciare con lo strazio nel cuore che Marian Cisovsky ci ha lasciato per sempre”.

Sei anni fa fu lui a dare la notizia di avere la sclerosi multipla amiotrofica dopo averlo scoperto grazie ad un intervento chirurgico al ginocchio. Negli ultimi tempi, anche se visibilmente provato, si è recato diverse volte allo stadio dove i tifosi lo hanno sempre accolto con amore.

LEGGI ANCHE—> Scooter si schianta contro un lampione: morta una giovane attrice

Marian Cisovsky e non solo, i giocatori colpiti dalla SLA

Stefano Borgonovo, Armando Segato, Ernst Ocwirk, Guido Vincenzi e Fulvio Bernardini. Questa è solo una breve lista dai tanti calciatori che nella storia hanno lottato contro la SLA per poi, purtroppo, perdere la sfida. Molto spesso ci si è chiesto perché soprattutto i giocatori vengono colpiti dalla sclerosi multipla amiotrofica.

Gli esperti più volte hanno dato la colpa a fattori come la predisposizione genetica, i traumi alle gambe ed alla testa, agli eccessi di fatica, all’abuso di medicine ed anche ai pesticidi utilizzati in passato per manutenere i campi degli stadi. In effetti, secondo alcuni studi scientifici, nel nostro paese i calciatori e gli agricoltori sono colpiti dalla SLA per una percentuale pari al doppio rispetto alla media.

LEGGI ANCHE—> Autostrade, nuovo piano gallerie: si parte con la chiusura della A26