Facebook, crollo economico per Zuckerberg: perdite da 7,2 miliardi

0
67

Facebook, crollo economico per Zuckerberg: perdite da 7,2 miliardi. Il boicottaggio dei grossi marchi ha creato un danno non indifferente al Re dei social

Mark Zuckerberg
Facebook, crollo finanziario per Zuckerberg: perdite da 7,2 miliardi (Foto: Getty)

Un rapporto della Bloomberg Network ha rivelato che il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha perso 7,2 miliardi di dollari. Il motivo è da ricercare nel ritiro da parte di una serie di grandi aziende dei propri annunci pubblicitari sui social. Bloomberg ha dichiarato che le azioni delle società sono diminuite dell’8,3% venerdì, il numero più alto in tre mesi, dopo che Unilever, uno dei maggiori inserzionisti al mondo, si è unito ad altri brand nel boicottaggio degli annunci sui social network.

Il calo del prezzo delle azioni ha portato a $ 56 miliardi il valore di mercato di Facebook e ha spinto il patrimonio netto di Zuckerberg a $ 82,3 miliardi, in base al Bloomberg Billionaires Index. Ciò ha portato anche il CEO di Facebook a scendere di un gradino nella classifica dei paperoni del mondo. L’americano è ora al quarto posto, superato dal proprietario di Louis Vuitton, Bernard Arnaud, e alla coppia Jeff Bezos, Bill Gates.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> USA, novità Facebook: arrivano le news per l’informazione di qualità

Facebook, crollo economico per Zuckerberg: perdite da 7,2 miliardi

Crollo economico Facebook
Facebook, crollo economico per Zuckerberg: perdite da 7,2 miliardi (Foto: Getty)

Grandi aziende come “Verizon“, “Coca-Cola“, “Hershey” e altri hanno deciso di smettere di pubblicare i loro annunci su Facebook e le altre piattaforme come Instagram. La causa è legata al problema delle informazioni fake e ai post di natura razzista. Secondo i brand internazionali, la società di Zuckerberg non farebbe abbastanza per risolvere questo tipo di problemi, creando quindi possibili danni d’immagine alle multinazionali.

L’imprenditore statunitense ha risposto alle crescenti critiche sulla disinformazione, annunciando che i contenuti delle notizie, saranno attentamente valutati da un’equipe di esperti prima di essere pubblicate, filtrando ed eliminando quelle non veritiere. Zuckerberg ha spiegato che Facebook vieterebbe la pubblicità sostenendo che le persone appartenenti a gruppi in base a razza, religione, orientamento sessuale o stato di residenza rappresentano una minaccia per la sicurezza fisica o la salute.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Facebook censura Trump: simboli nazisti negli spot

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui