Autostrade, Governo stabilisce le condizioni: “Aspi accetta o è revoca”

Continua a tenere banco la situazione autostrade con il Governo che stabilisce la condizioni. Per i capi di stato Aspi “accetta o revoca”.

autostrade condizioni
Stabilite le nuove condizioni per Aspi (via Getty Images)

Il Governo continua a trattare la situazione Autostrade, stanziando le condizioni per Aspi. Per la prima volta si inizia a parlare di revoca. In merito, il ministro delle Infrastrutture è pronta ad intavolare un nuovo confronto tra il premier e i capidelegazione. E’ questa la decisione presa in seguito al vertice tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e i rappresentanti delle forze che sostengono il governo.

Proprio su Autostrade, nella giornata di ieri c’è stato un confronto tra Conte, De Micheli e il responsabile del Mef, Roberto Gualtieri, in cui sono state stabilite le condizioni minime per Aspi. Se non verranno rispettate tali condizioni, si procederà con la revoca della concessione.

Autostrade, le condizioni del Governo: Aspi messo alle corde

Autostrade Condizioni
Il governo stabilisce come continuare il discorso con Aspi (via Screenshot)

Così dopo il confronto tra Conte, De Micheli e Gualtieri, il Governo ha stabilito le condizioni minime per continuare il dialogo con Aspi. Una posizione che comunque rischia di creare malumori nel Movimento 5 Stelle. Infatti il gruppo pentastellato continua a perdere pezzi e sulla vicenda Autostrade si sarebbe irrigidita ulteriormente. Il Movimento infatti vorrebbe tenere fuori dal discorso la Famiglia Benetton, con una revoca decisa senza “se” e senza “ma”.

In merito Luigi Di Maio, durante un’ospitata a Porta a Porta, ha ribadito tale volontà annunciando: “Io non immagino un futuro in cui ridare a Benetton le Autostrade“. Nonostante la presa di posizione del Ministro, il governo continua il dialogo con Aspi.

Infatti per Conte la via maestro sarebbe l’ingresso del fondo F2i e di Cassa depositi e prestiti in Autostrade, così facendo si diluirebbe la presenza di Atlantia, che perderebbe il suo ruolo di socio di maggioranza. Ma i 5 stelle continuano ad essere scettici su questa linea, preferendo un taglio dei ponti deciso con Atlantia. Vedremo se nei prossimi giorni si troverà una linea di accordo comune o se continuerà la spaccatura tra Conte e 5 stelle sulla vicenda Autostrade.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !