Francia, bambina suda marrone: l’origine della singolare patologia

In Francia, una bambina di 9 anni ha mostrato una strana patologia che le faceva sudare marrone. Scoperto il motivo dell’insolito caso

francia marrone
In Francia, una bimba di 9 anni ha presentato una strana patologia che la faceva sudare marrone (Pixabay)

Dalla Francia, arriva un episodio decisamente insolito e singolare. Una bambina di 9 anni, per ben 5 settimane, ha sudato color marrone. Ogni qualvolta si esponeva al sole, la bimba iniziava a secernere un liquido dalla colorazione strana su guance, fronte, bocca e naso.

La cosa che più a stupito, però, è che il marrone rimaneva sull’asciugamano, una volta passato sul volto della bimba. Dopo numerosi controlli dei medici, si è riusciti a risalire all’origine della malattia: la pseudocromoidrosi. Si tratta di una patologia già conosciuta dai dermatologi, ma che in questo caso sembra avere una strana origine batterica, mai vista prima d’ora.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19, ad Alessandria focolaio in Rsa: morti due ospiti

Francia, bimba suda color marrone: l’origine della malattia

francia marrone
L’origine della malattia

Solitamente, hanno spiegato i dermatologi di un ospedale della Val d’Oise alla rivista ‘Annales de dermatologie et de vénéréologie’, la pseudocromoidrosi è dovuta a fattori esterni. Sostanze chimiche, tessuti o farmaci, che mutano la flora batterica presente sulla superficie della pelle. La bambina di 9 anni, però, dopo vari controlli e test, è risultata perfettamente in salute, senza alcuna implicazione esterna.

Il caso ha suscitato parecchio stupore all’interno dell’équipe medica dell’ospedale di Val d’Oise, tanto da spingere i dermatologi ad ulteriori controlli maggiormente approfonditi. Alla fine, l’origine della malattia è risultata essere il Corynebacterium, un batterio. Dopo una cura a base di antibiotici e creme, la bimba si trova ora in condizioni ottime, e la sua sudorazione è tornata ad essere normale.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus in Germania, oltre 1000 casi positivi in industria di carne