Lavoro, blocco licenziamenti verso la proroga. 2mila domande per la Cig

0

Novità in vista nel mondo del lavoro: si va verso la proroga del blocco dei licenziamenti a causa del Covid-19. 2mila domande per il nuovo modello di Cig in deroga

lavoro blocco licenziamenti
Operai ancora a lavoro (via WebSource)

L’Italia è in piena crisi post Covid-19 e il governo sta cercando di prendere provvedimenti per limitare i danni in questa fase e rilanciare il Paese per il futuro. Secondo quanto raccolto dall’agenzia di stampa ‘Adnkronos‘ il prossimo passo da Palazzo Chigi sarà quello di prorogare il blocco dei licenziamenti, il cui termine scade il 17 agosto, per altri due mesi. Il blocco, però, non dovrebbe andare oltre al mese di ottobre. Sul tavolo del governo c’è anche la proroga della sospensione del decreto dignità, che prevede l’obbligo di causale per il rinnovo dei contratti a tempo determinato dopo 12 mesi di lavoro, per altri 3 mesi. Il Movimento 5 Stelle, padre della norma, vorrebbe ridurre al minimo questa sospensione e si dichiarano preoccupati che la modifica possa diventare strutturale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Istat, nuova ondata di disoccupati: 500mila hanno smesso di cercare lavoro

Lavoro, verso la proroga del blocco dei licenziamenti. Tridico: “2mila domande all’Inps per la nuova Cig”

lavoro blocco licenziamenti
Sito Inps (Getty Images)

Uno dei temi più importanti del post Covid è la Cassa integrazione, a cui a molti lavoratori non è ancora arrivata. Oggi il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, nella videoconferenza promossa dalla Cisl Fp ha annunciato: “Oggi, con grande disattenzione da parte di tutti, è partito il nuovo modello per la domanda della Cassa integrazione in deroga. Dopo 5 ore dall’attivazione avevamo già ricevuto 2mila domande“. Tridico poi annuncia che l’Inps ha attivato l’anticipazione del 40% della Cig.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di emergenza, domanda online sul sito Inps: tutte le info

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui