Vasco Rossi, scoperta maxi truffa sui biglietti dei concerti: 6 indagati

Vasco Rossi, scoperta maxi truffa sui biglietti dei concerti: 6 indagati. I responsabili avevano clonato il sito della società che gestisce la vendita dei ticket online

Truffa biglietti Vasco Rossi
Vasco Rossi, scoperta maxi truffa sui biglietti dei concerti: 6 indagati (Foto: Getty)

Una spiacevolissima sorpresa per tutti i fan di Vasco Rossi che avevano cercato di partecipare al tour del rocker di Zocca nel 2018. Le date dei concerti di due anni fa erano andate praticamente tutte esaurite in giro per l’Italia, confermando il grande seguito del musicista emiliano. Circa 455mila persone avevano acquistato i tickets per seguire le performance live del cantante. Il problema è che alcuni di loro hanno scoperto solo successivamente di essere stati truffati e che il loro tagliando non aveva validità. Oltre il danno anche la beffa di non vedere il loro idolo dal vivo.

La responsabilità di tutto questo è da attribuire a un gruppo di hacker scoperti dagli agenti della polizia postale di Bologna. I criminali avevano clonato il sito della Best Union Company S.p.A. (vivaticket.it) arrivando a raggirare oltre 1.400 persone che pensavano di aver acquistato il tagliando in modo legale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vasco Rossi, Coronavirus: “In Usa pochi casi perchè il tampone è caro”

Vasco Rossi, scoperta maxi truffa sui biglietti dei concerti: 6 indagati

Truffa concerti Vasco
Vasco Rossi, scoperta maxi truffa sui biglietti dei concerti: 6 indagati (Foto: Getty)

Purtroppo per i malcapitati una volta raggiunto il luogo del concerto si sono visti annullare il biglietto e non hanno potuto prendere parte all’evento.

La Procura di Bologna ha iscritto nel registro degli indagati 6 persone, architetti della truffa e che operavano attraverso dei prestanome, con tanto di Sim card e conti correnti illegali.

I due principali responsabili sono uomo di 61 anni originario di Albignasego e un quarantatreenne moldavo residente a Fontaniva, in provincia di Padova.

Anche il legale di Vasco, Guido Magnisi, ha voluto sottolineare il tentativo del rocker di evitare tutto questo: “L’artista ha fatto di tutto per garantire la sicurezza, Best Union e Vivaticket sono affidabilissimi e sono stati fatti passi da gigante. Gli sforzi sono enormi, ma c’è un livello che è incontrollabile“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vasco Rossi, ufficiali le nuove date del ‘Non Stop Live Festival 2021’