CONDIVIDI

USA, altro caso dopo Floyd: afroamericano muore per mano della polizia. Il fatto risale al 3 marzo scorso ed ora è spuntato un Video che mostra l’aggressione avvenuta a Tacoma, nello stato di Washington

Altro afroamericano ucciso negli Usa
USA, altro cado dopo Floyd: afroamericano muore per mano della polizia (Foto: Getty)

Dopo la morte di George Floyd per mano degli agenti della polizia di Minneapolis, un altro caso scuote l’America. Proprio ieri infatti un altro Video mostra un uomo di colore trattenuto a terra con la forza dopo l’arresto. Manuel Ellis, è morto a seguito delle percosse ricevuto lo scorso 3 marzo ed ora dopo tre mesi la verità sta venendo a galla. L’incidente simile a quello di Floyd, si è verificato a Tacoma nello stato di Washington.

Martedì, l’ufficio dell’esaminatore medico della contea di Pierce ha pubblicato il suo rapporto di autopsia per Ellis, determinandone la morte per arresto respiratorio. La causa è da ricercare nell’ipossia generata da restrizioni fisiche. La scomparsa del 33enne è stata segnalata come omicidio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Michael Jordan dona 100 milioni di dollari nel nome di George Floyd

USA, altro caso dopo Floyd: afroamericano muore per mano della polizia

Altro caso di afroamericano morto negli Usa
USA, altro caso dopo Floyd: afroamericano muore per mano della polizia (Foto: Getty)

Il Video diffuso inizialmente dal New York Times mostra una donna all’interno di una macchina che urla vedendo quanto viene fatto ad Ellis da parte della polizia. Ad un certo punto si sente urlare: “Smettila di colpirlo, arrestatelo ma non colpitelo più!”.

Il tutto, pur se risalente al 3 marzo, ha riportato alla mente quanto avvenuto qualche giorno fa nel Minnesota, soprattutto per le modalità e l’urlo “Non riesco a respirare” pronunciato da tutti e due.

Il capo della polizia di Tacoma, Don Ramsdell, ha rilasciato una dichiarazione ieri sera in cui si dice che un’inchiesta dello sceriffo era già in corso e tutti e quattro gli agenti coinvolti sono stati messi in congedo amministrativo. Ha anche offerto le condoglianze alla famiglia di Ellis.

“Abbiamo collaborato pienamente e siamo stati trasparenti con le attuali indagini indipendenti in corso e continueremo a farlo per eventuali ulteriori approfondimenti”, ha affermato.

Il Seattle Times e la CBS News hanno riferito che gli ufficiali – identificati dalla polizia come Christopher Burbank, Matthew Collins, Masyih Ford e Timothy Rankine – sono stati messi in congedo amministrativo dopo l’incidente ma poi sono tornati in servizio. Ora sono stati messi in licenza per la seconda volta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morte Floyd, Trump contro i manifestanti: “Non inginocchiatevi”