Siena, 20mila euro di cocaina distrutti da un cinghiale: cos’è successo

0

Quattro persone spacciavano cocaina nelle zone di Valdichiana Senese e Aretina, nascondendo la merce nei boschi. Un cinghiale ha però rovinato i loro piani

cinghiale cocaina
Un cinghiale, in provincia di Siena, ha inconsciamente distrutto 20mila euro di cocaina (Pixabay)

Nelle zone di Valdichiana Senese e Aretina, in provincia di Siena, quattro ragazzi (tre albanesi e un italiano) spacciavano da molto tempo diversi chili di cocaina. Secondo quanto riportato dalle testate locali, il loro mercato era ormai parecchio conosciuto in zona, tanto da far partire un’indagine dal sostituto procuratore del tribunale di Siena Nicola Marini.

I quattro spacciatori erano soliti nascondere la merce in alcuni barattoli, sotterrati poi in vaste aree nei boschi limitrofi. Qualche giorno fa, un cinghiale ha inconsciamente rovinato i loro piani, arando col muso il terreno e rovinando quantità di cocaina pari a 20mila euro. Gli spacciatori si trovano ora agli arresti domiciliari o in custodia cautelare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Desio, grave incidente nella notte: auto si ribalta e finisce contro distributore

Siena, cinghiale distrugge 20mila euro di cocaina: le indagini

cinghiale cocaina
Gli spacciatori erano soliti nascondere la merce nel bosco (Pixabay)

Un cinghiale che si trovava nei boschi limitrofi alle zone di Valdichiana Senese e Aretina, in provincia di Siena, ha rovinato i piani a quattro spacciatori di cocaina. L’indagine condotta dal sostituto procuratore Nicola Marini, in realtà, era partita già nel settembre 2018. Il tutto a seguito dell’omicidio di un 21enne albanese nel maggio dello stesso anno, che poi si è scoperto facesse parte proprio del gruppo di spacciatori.

Dopo diversi mesi di ricerca, alla fine le forze dell’ordine del nucleo investigativo di Siena sono riusciti a risalire alle identità dei 3 albanesi e dell’italiano che, da diversi anni, spacciavano chili di cocaina in Toscana. Al momento i quattro ragazzi si trovano in custodia cautelare o agli arresti domiciliari, in attesa della sentenza definitiva.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> 64enne suicida alla frontiera italiana: aveva ucciso l’ex moglie in Austria

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui