CONDIVIDI

Si va verso il ripristino del traffico aereo, se non altro in Europa. Per scongiurare il rischio di contagio da Coronavirus aerei e aeroporti si apprestano a testare le nuove misure.

voucher viaggi
 (photo Gettyimages)

L’Agenzia dell’Unione Europea per la sicurezza aerea (EASA) ha redatto, insieme al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, le nuove linee guida per il volo. In vista della riapertura degli aeroporti e del ripristino dei voli, nuove misure di sicurezza si rendono necessarie per prevenire il contagio. Dieci compagnie testeranno sul campo le nuove procedure.

Tra queste EasyJet e Wizz Air, oltre all’aeroporto parigino Charles de Gaulle. Diverse le procedure da adottare, seppure senza sconvolgimenti radicali come ipotizzato nei mesi scorsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Turismo Italia, aperti i confini ai paesi di Schengen: la situazione

Coronavirus, aerei: ecco come si tornerà a volare in Europa

Coronavirus
Aereo Easy jet

Le norme prescritte non differiscono più di tanto da quelle ormai applicate nella maggior parte dei luoghi pubblici. Si va quindi dal rispetto delle distanze sociali  – ove possibile – all’uso della mascherina per tutta la durata del viaggio, compresi in tragitti in aeroporto. A questo si aggiunge il consiglio di lavarsi la mani quanto più spesso possibile. Inoltre, potranno accedere ai terminal esclusivamente i passeggeri muniti di un biglietto per viaggiare.

Nulla invece riguardo il distanziamento sociale a bordo degli aerei. In un primo momento si era infatti ipotizzato l’obbligo per le compagnie aeree di rimuovere il sedile centrale di ogni fila. Tutti i passeggeri inoltre sono caldamente invitati a non viaggiare qualora dovessero soffrire di sintomi riconducibili al Covid-19: febbre, tosse o difficoltà respiratorie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Turismo, Danimarca: tamponi a campione sui viaggiatori in arrivo

“A bordo degli aerei aria paragonabile a sala operatoria”

Pulizia aereo
 (Foto: Getty)

Airlines for Europe, un’alleanza commerciale che raggruppa diverse compagnie, si era già espressa sul tema all’inizio di maggio. La maggior parte degli aeromobili, disse all’epoca, è già munita di filtri dell’aria particolarmente efficienti, in grado di rendere “l’aria della cabina paragonabile all’ambiente sterile di una sala operatoria“. Al contempo espresse anche perplessità riguardo l’efficacia del distanziamento a bordo, definendolo “non praticabile per l’industria del trasporto aereo”.

Per quanto riguarda gli aeroporti invece è Bruxelles a fare da apripista. Nell’aeroporto della capitale belga si sta già provvedendo all’istallazione di telecamere sul marciapiede esterno. Oltre a rilevare la temperatura corporea saranno in grado di individuare i viaggiatori sprovvisti di mascherina.

Verrà inoltre aumentata la frequenza delle pulizie, ricorrendo alla sanificazione con raggi UV per igienizzare i carrelli e gli ambienti più rischiosi. Dei robot provvederanno a disinfettare sistematicamente i pavimenti. Infine, una riorganizzazione totale delle aree check-in, normalmente affollate dai passeggeri in fila per l’imbarco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Estate 2020, Ryanair torna a volare: da luglio 1000 voli al giorno

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24