CONDIVIDI

Durante una visita di rito, Donald Trump ha chiesto alla moglie Melania di sorridere per la stampa. La reazione della moglie è diventata virale

trump melania
Donald Trump è al centro delle accuse (photo Gettyimages)

In questi giorni, non si fa altro che parlare dei movimenti violenti di protesta negli Usa, a seguito dell’omicidio di George Floyd. Donald Trump, al centro delle accuse, ha reagito a tutto questo ordinando l’impiego dell’esercito in strada, nel caso i governatori dei vari stati non siano in grado di contenere i tumulti.

La decisione non ha fatto altro che alimentare ulteriormente il disprezzo di parte dei cittadini statunitensi nei confronti del presidente americano, candidato per un secondo mandato alle presidenziali di novembre. Anche la First Lady Melania Trump pare essere parecchio insofferente per tutto quello che sta succedendo. In un video, diventato già virale, si è presentata con occhiali scuri e poca voglia di sorridere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Francia, nuova perizia medica per Adama Traoré: morto per soffocamento

Trump: “Sorridi Melania”, la reazione è virale

melania trump
La reazione di Melania Trump alla richiesta del marito di sorridere (YouTube)

Durante una visita di rito alla Saint John Paul II National Shrine, cappella in onore di Papa Giovanni Paolo II, Donald Trump e la moglie Melania si sono fermati all’esterno per le foto alla stampa. Mentre il presidente è apparso sorridente come suo solito, la First Lady è sembrata di tutt’altro umore. Occhiali da sole nero ed espressione più seria che mai. Un video diventato virale sul web mostra come Donald abbia chiesto a Melania di sorridere.

La sua reazione è tutta da vedere. Un’espressione forzata di mezzo secondo, poco prima di tornare scura in volto. Sui social è esplosa la discussione tra migliaia di persone, che ipotizzano un disappunto della First Lady per la maniera in cui il marito sta gestendo il caos dovuto all’omicidio di George Floyd.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, Bolsonaro: “Dispiace per le vittime, ma moriremo tutti”