CONDIVIDI

Liguria: raggiunto l’accordo per far diventare gratuite alcune tratte autostradali. Positivo l’incontro in Regione che ha soddisfatto le richieste del territorio.

Autostrada
Liguria: alcune tratte autostradali diventano gratuite (photo Pixabay)

Liguria: a seguito dell’incontro in Regione tra l’Amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Roberto Tomasi, e le altre parti in causa, è stato raggiunto l’accordo per far diventare gratuite alcune tratte autostradali. Come riporta Genova Today, nel dettaglio, le esenzioni dal pagamento del pedaggio sono scattate, già nella giornata odierna, per i transiti che hanno origine e destinazione tra tutti i caselli dell’A7 (da Vignole) a quelli dell’A12 (fino a Lavagna) e viceversa. Come leggiamo dalla fonte, potranno usufruire di esenzione anche coloro che entrano da Sestri Levante. Ma non è tutto.

L’esenzione scatta anche per i tratti con origine e destinazione dal Casello Ovada, sull’A26, ai caselli dell‘A10: da Genova aeroporto, fino a Varazze. Anche chi entra da Albissola e Celle Ligure può usufruire dell’esenzione. Da quanto apprendiamo dalla fonte, l’esenzione dal pedaggio riguarda anche altri tratti.

Leggi anche >>> Nuovo ponte di Genova, Conte: “Simbolo di un’Italia che si rialza”

Liguria: scatta gratuità per tratte autostradali, i dettagli

Come riporta Genova Today, le esenzioni dal pagamento del pedaggio riguardano anche altre tratte autostradali. Il tratto che va da Ovada all’allacciamento dell’A26 con l’A10 rientra nell’esenzione, per entrambe le direzioni.

C’è ancora un altro tratto che si potrà attraversare senza pagare il pedaggio. Il riferimento è al tratto Bolzaneto, Genova Ovest, Genova est. Come riporta la fonte, per tutti i veicoli che attraversano il tratto, scatta l’esenzione dal pagamento del pedaggio.

Come riporta Genova Today, a seguito dell’incontro arrivano altre buone notizie in merito alla situazione autostrade. Infatti, da quanto si apprende, sarà rinforzato il monitoraggio e, allo stesso tempo, il pronto intervento sulle gallerie. Il piano di rafforzamento prevede anche un potenziamento del personale tecnico, nonché dei mezzi tecnici per la manutenzione stradale. In base a quanto leggiamo dalla fonte, in maniera particolare saranno rafforzati i “jumbo” per le chiodature, che passano da 12 a 30 e anche le piattaforme elevatrici, che passano da 80 a 162.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, 14 cose che ancora non potremo fare in fase 2

F.A.