CONDIVIDI

Coronavirus: la Toscana si sta organizzando fornire gratuitamente a tutti i cittadini le mascherine protettive. Scelto il punto di ritiro.

Mascherine Toscana
La Toscana è pronta a distribuire nuove mascherine ai cittadini (photo Gettyimages)

Coronavirus: la Toscana si organizza per la distribuzione di mascherine protettive a tutti i cittadini. Come riporta Il Fatto Quotidiano, dopo un primo lotto di 43 milioni di mascherine, distribuito attraverso le farmacie, è stato scelto un nuovo punto di ritiro: le edicole. In base a quanto si apprende, a partire dal 5 giugno partirà la distribuzione di mascherine in edicola. L’accordo è stato raggiunto tra la giunta regionale, guidata da Enrico Rossi, e i sindacati. Tale accordo ha portato alla scelta di distribuire oltre 40 milioni di mascherine per i cittadini.

Come ritirarle? Molto semplice. Come fa sapere Il Fatto Quotidiano, le mascherine a disposizione saranno 10 per ogni cittadino. Per ritirarle basterà recarsi in edicola con la tessera sanitaria. Tutti i giornalai coinvolti nel progetto saranno dotati di un’applicazione, ancora non si è a conoscenza del nome. Questa app sarà in grado di registrare le tessere sanitarie. In tal modo, si eviteranno i “furbetti” che vorranno più mascherine del dovuto.

Leggi anche >>> Coronavirus, nuova ordinanza in Toscana: da domani sarà obbligatorio 

Coronavirus: la Toscana pronta a donare 40 milioni di mascherine ai cittadini

Mascherine
Mascherine (photo Pixabay)

Dopo un primo lotto di 43 milioni di mascherine, distribuite nelle farmacie, la Toscana è pronta, dal prossimo 5 giugno, a distribuire ulteriori 40 milioni di mascherine attraverso le edicole. Come riporta Il Fatto Quotidiano, sono 1240 i giornalai coinvolti nel progetto. A questi ultimi, sarà richiesto di scaricare un’app per controllare e registrare le tessere sanitarie.

In base a quanto leggiamo, da inizio aprile, la Regione Toscana ha distribuito, in maniera gratuita, 55 milioni di mascherine ai cittadini. Di queste, 43 milioni attraverso le farmacie e 12 milioni attraverso la grande distribuzione e i vari porta a porta. Ma la prima fase di distribuzione ha registrato alcuni problemi, legati soprattutto ad assembramenti per il ritiro e i vari “furbetti” che volevano ritirarne più del dovuto. La Regione ha fatto sapere che per la nuova distribuzione, quella delle edicole, questi problemi non si ripeteranno.

Potrebbe interessarti anche: Napoli, scoperta fabbrica abusiva di mascherine: 4000 pezzi con loghi falsi

F.A.

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24