Trump posticipa il G7: il presidente pensa a settembre

Il presidente Usa Donald Trump ha deciso di posticipare il G7. L’idea iniziale era di organizzare l’incontro per fine giugno, ma si pensa a settembre.

Coronavirus trump
Il presidente americano posticipa il G7 (photo Gettyimages)

Arriva l’annuncio dalla Casa Bianca: Donald Trump ha deciso di posticipare a settembre l’incontro del G7. Come riporta Repubblica, a seguito del rifiuto della cancelliera Merkel di partecipare di persona, causa pandemia in corso, il presidente degli Usa ha deciso di posticipare l’incontro. Da quanto si apprende, la prima idea era quella di svolgere il G7 a fine giugno, ma la scelta sembra ricadere ora su settembre.

Il cambio di data non sembra essere però l’unica novità che arriva dalla Casa Bianca. Come riporta Repubblica, infatti, il presidente sembra intenzionato ad invitare anche la Russia. Com’è noto, la Russia è stata sospesa dal 2014 per l’annessione della Crimea. Non solo la Russia: altri Paesi sembrano pronti a partecipare dopo l’invito del presidente Trump.

L’idea iniziale del presidente era quella di organizzare un incontro in video-conferenza con i Paesi del G7 per fine giugno. Nelle scorse settimane. il presidente aveva annunciato che l’incontro si sarebbe potuto tenere comunque di persona. Ma, dopo il rifiuto da parte di Angela Merkel, è arrivata la decisione di spostare l’incontro a settembre.

Leggi anche >>> Donald Trump attacca la Cina, sanzioni e pugno duro per Hong Kong

G7: Trump posticipa la data e invita altri Paesi

Angela Merkel, Coronavirus Germania
Anela Merkel aveva rifiutato l’invito del presidente Trump (Getty)

Come riporta Repubblica, il presidente Usa Donald Trump, oltre a posticipare l’incontro con i sette maggiori Stati economicamente avanzati del pianeta, ha in mente altri piani, ovvero invitare altri Paesi. Come leggiamo dalla fonte, il Presidente sembra intenzionato a invitare Corea del Sud, Australia e India.

Secondo il New York Times, le cui parole sono state riportate da Repubblica, l’idea del presidente è quella di allargare l’invito ai “tradizionali alleati” al fine di discutere della Cina, divenuto un Paese “rivale strategico” dell’America.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, la Germania verso la riapertura: le parole della Merkel

F.A.