CONDIVIDI

Il 3 giugno torneranno attive le tratte a media e lunga distanza: treni e bus ragionano sul rafforzamento delle corse.

Flixbus
Flixbus (photo Pixabay)

I treni e i bus, a partire dal prossimo 3 giugno, rafforzeranno le corse a media e lunga distanza. Come riporta Milano Weekend, Italo, che dal 28 maggio ha già ripristinato alcune tratte, sta programmando l’apertura di nuove destinazioni, soprattutto in Calabria e in Cilento. Le tratte saranno attive da metà giugno. Chi invece ha annunciato un rafforzamento delle tratte a partire dal prossimo 3 giugno è Trenitalia, che come leggiamo dalla fonte, attiverà 36 Frecce in più in tutta Italia.

Come riporta la fonte, le biglietterie fisiche sono state riaperte già dal 25 maggio e le norme di sicurezza adottate sono rigide: dall’obbligo di indossare la mascherina, al distanziamento sui posti a sedere, dispenser di gel igienizzante e entrate regolate dal personale.

Leggi anche >>> Fase 2, ripartono i matrimoni: le prime regioni a dire sì

3 giugno: aumentano bus e treni sulle tratte lunghe

Come riporta Milano Weekend, i collegamenti bus con tratte brevi, o comunque ridotte, erano stati ripristinati a partire dall’inizio di maggio. In base a quanto si apprende, dal prossimo 3 giugno Flixbus ripristinerà i collegamenti a tratta lunga, anche all’estero.

Infatti, il noto marchio è famoso per offrire il servizio di collegamento a tratta medio-lunga, a prezzi molto vantaggiosi per i clienti. Sui bus, in base a quanto leggiamo, saranno valide diverse misure di sicurezza, al fine di garantire la protezione dei viaggiatori. Tra queste, vengono menzionate: l’obbligo di indossare le mascherine a bordo e il distanziamento dei posti a sedere. Inoltre, il servizio offrirà un maggior numero di soste, dal momento che i bagni interni saranno inagibili. La misurazione della temperatura prima di salire farà parte delle misure di sicurezza. Flixbus invita inoltre i clienti ad utilizzare di più i ticket digitali, più veloci del cartaceo. A bordo sarà presente gel disinfettante.

Potrebbe interessarti anche: Fase 2: spunta la “tassa Covid” anche per un’altra categoria

F.A.