Recovery fund da 750 miliardi verso l’approvazione: quanto spetta all’Italia

E’ in corso la riunione della Commissione europea per approvare il Recovery Fund: si parla di un piano complessivo da 750 miliardi di euro

Recovery fund
Von der Leyen (Getty images)

Alle ore nove di stamattina è cominciata la riunione della Commissione Europea per discutere dell’approvazione del Recovery Fund. Secondo quanto rimbalzato nelle ultime ore, sarà un piano da 750 miliardi di euro complessivi che dovrebbe prevedere 500 miliardi a fondo perduto ed altri 250 di prestiti da restituire.

All’Italia andranno 172,7 miliardi di euro: 81,807 miliardi versati come aiuti e 90,938 miliardi come prestiti. C’è anche la soddisfazione di Paolo Gentiloni che ha parlato di scelta epocale e senza precedenti. Il nostro paese, ritenuto quello più colpito dal virus, riceverà la somma maggiore di aiuti rispetto agli altri stati membri.

I soldi sul mercato saranno reperiti grazie ai bond continentali emessi dalla Commissione. I detentori dei titoli saranno rimborsati grazie a diverse misure come la plastic tax, lo stop all’elusione fiscale da parte dei giganti del web ed un nuovo sistema di pagamento delle quote per l’inquinamento.

LEGGI ANCHE—> Contanti, il limite dei pagamenti sarà ridotto: i dettagli

Recovery Fund, come saranno distribuiti i soldi

Coronavirus parlamento

I soldi saranno versati alle varie capitali grazie a diversi sistemi. Quello principale si chiama Recovery and Resilience Facility. Per accedere al denaro, i governi dovranno ricevere l’approvazione di Bruxelles. Come? Presentando un programma nel quale si indica come saranno spesi i fondi. Bisognerà dare priorità alla green deal, al digitale ed ai settori del turismo e dei trasporti.

Comunque il piano, nel complesso, dovrebbe raggiungere i mille miliardi grazie al sistema di investimenti che andrebbe ad aumentare le risorse. A questi si aggiungeranno anche i mille miliardi del normale bilancio Ue 2021-2027.

Coronavirus Ue

LEGGI ANCHE—> Reddito di emergenza, domanda online su sito Inps: tutte le info