CONDIVIDI

Fase 2: annunciato bando per 60 mila “assistenti civici”. Il loro compito sarà quello di aumentare i controlli e vigilare durante la fase di riapertura.

Francesco Boccia
Francesco Boccia (photo Gettyimages)

Fase 2: l’annuncio del bando per 60 mila assistenti civici è stato lanciato da Francesco Boccia, ministro per gli Affari Regionali, e da Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani. Come riporta Repubblica, il bando riguarda chi non ha lavoro, chi non ha alcun vincolo lavorativo, chi percepisce il Reddito di Cittadinanza e chi usufruisce di ammortizzatori sociali.

Come leggiamo dalla fonte, i nuovi “assistenti civici” saranno volontari che offriranno la possibilità di aumentare vigilanza e controlli in questa delicata fase di riapertura. Il bando, come riporta la Repubblica, verrà emesso entro la prossima settimana.

Leggi anche >>> Fase 2, domani la riapertura di palestre e piscine: le norme di sicurezza

Fase 2: arriva il bando per “assistenti civici”

covid movida conte
Antonio Decaro (photo screenshot da Facebook)

L’annuncio di Boccia e Decaro parla di 60 mila assistenti civici, scelti su base volontaria, che offriranno il loro contributo per aumentare i controlli in fase 2. Chi avrà il compito di coordinare i nuovi assistenti sarà la Protezione Civile, che avrà il compito di indicare alla Regione le varie disponibilità su tutto il territorio nazionale.

Come riporta la Repubblica, il lavoro dei 60 mila assistenti risulterà fondamentale per aumentare l’assistenza delle categorie più fragili: anziani e bambini. I nuovi assistenti controlleranno principalmente il rispetto del distanziamento sociale. Inoltre, controlleranno la messa in atto di  tutte le norme che il Governo ha emanato per preservare la salute pubblica.

Come fa sapere Decaro, in questa fase così complessa e delicata, si vuole affidare la comunità al lavoro dei volontari. Questi offriranno un contributo prezioso per il mantenimento delle distanze sociali. Il senso di responsabilità resta sempre il fulcro del comportamento di ogni cittadino, ma l’arrivo di 60 mila assistenti civici, offrirà un importante aiuto.

Potrebbe interessarti anche: Fase 2, i Musei Vaticani riaprono: ecco le nuove modalità d’ingresso

F.A.