CONDIVIDI

Il decreto Rilancio apporta importanti novità, estendendo i congedi per i genitori e i bonus baby sitter. Vediamo nei dettagli cosa cambia.

Il decreto Rilancio apporta novità sui congedi (Pixabay)

Sul tema “famiglia”, il decreto Rilancio ha apportato diverse novità, che lo rendono sostanzialmente diverso dal vecchio “Cura Italia”. Tra quelle più rilevanti, le novità sulle estensioni dei congedi dei genitori e dei bonus baby sitter risultano particolarmente evidenti. Come riporta il Sole 24 ore, il decreto ha esteso la fruizione del congedo parentale, già introdotto a marzo dal Cura Italia e ha raddoppiato l’importo dei bonus per pagare la baby sitter.

Come leggiamo dalla fonte, dal 5 marzo al 31 luglio, tutti i genitori (che lavorano nel settore privato) possono avere 30 giorni di congedo se hanno figli fino a 12 anni, o anche più grandi, se presentano un handicap grave. Dunque, esteso di ulteriori 15 giorni il congedo precedente. Secondo quanto si apprende, c’è una parte del decreto che però non coincide con quanto appena sostenuto. Con ogni probabilità si tratta di un errore o di un mancato aggiornamento, dal momento che è rimasto invariato il comma 4 dell’art. 23. In tal senso, il congedo è riconosciuto “alternativamente” ai due genitori per un totale complessivo di 15 giorni. I due termini non combaciano.

Leggi anche >>> Decreto Scuola, situazione di stallo: Conte cerca la mediazione

Decreto Rilancio: le novità sul bonus baby sitter

Decreto Rilancio
Novità sul decreto rilancio (photo Pixabay)

Come riporta il Sole 24 ore, è ancora da verificare l’estensione a 30 giorni per i dipendenti pubblici. Al momento, da quanto si apprende, l’articolo 25, comma 1, che li riguarda, non ha subito ancora modifiche. Arrivano importanti novità anche sul bonus baby sitter.

Paste the following code before the "" or "" tag

Come leggiamo dalla fonte, il bonus baby sitter ha subito un’importante modifica. Il bonus è stato raddoppiato da 600 a 1.200 euro. I 1.200 euro, inoltre, saranno erogabili in più volte, invece che in una sola.

Per quanto riguarda gli iscritti alla gestione separata Inps, come riporta la fonte, hanno il bonus raddoppiato, ma non l’estensione del congedo.

Potrebbe interessarti anche: Fase 2 Roma: tavolini all’aperto, tutte le novità per i locali

F.A.