CONDIVIDI

Coronavirus, la Cina si dice pronta a prendere parte a una cooperazione internazionale per identificare l’origine del virus. La nazione continua a respingere le accuse americane a proposito di un virus creato ad hoc in laboratorio. 

Coronavirus case di riposo allarme
 (Getty Images)

Coronavirus, la Cina si dice pronta a una collaborazione internazionale per identificare l’origine del Covid-19. Un modo, questo, per respingere nuovamente le accuse di un virus creato in laboratorio e far definitivamente chiarezza sulla vicenda.

Coronavirus, la Cina propone un team per scoprire l’origine del virus

Ad annunciarlo è Wang Yi, ministro degli esteri cinese, sottolineando tuttavia che quest’eventuale cooperazione dovrà essere effettuata obiettivamente e senza alcun tipo di intromissioni politiche. Il politico asiatico, inoltre, non ha perso occasione per rispedire al mittente tutte le nuove gravi accuse pervenute in queste settimane.

Paste the following code before the "" or "" tag

“Gli Stati Uniti continuano a diffondere notizie non vere e confermate”, ha infatti riferito il referente politico piuttosto contrariato. Sottolineando inoltre che: “Cina e USA sono ormai vicini a una guerra fretta, quando invece non dovrebbero esserci conflitti ma solo rispetto e aiuto reciproco”. 

Potrebbe interessarti anche —-> Donald Trump, che gaffe: rivelato il suo conto in banca

Il riferimento, ovviamente, è alle continue insinuazioni su un virus artificiale partito da Wuhan. Secondo Trump, gli Stati Uniti avrebbero anche delle prove che confermerebbero l’origine non naturale del virus che ha poi messo in ginocchio l’intero mondo. Al momento opportuno – ha riferito il leader politico in tempi non sospetti – mostrerà tutto in pubblico. Il rapporto sull’asse Washington-Pechino, insomma, è davvero ai minimi termini.

 

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24