CONDIVIDI

Dal balcone di Palazzo dei Normanni a Palermo è comparso un grande lenzuolo bianco in memoria della Strage di Capaci

Sono passati 28 anni da quel tragico 23 maggio del 1992 quando, nei pressi di Capaci (Palermo), fu compiuto un attentato da parte della mafia nei confronti del magistrato Giovanni Falcone. Insieme all’uomo morirono la moglie Francesca Morvillo e quattro uomini della scorta.

Quest’oggi, come riportato dal Giornale di Sicilia, è stato esposto un grande lenzuolo bianco sulla balconata principale di Palazzo dei Normanni a Palermo. Anche a Palazzo Marino di Milano è stata fatta la stessa cosa.

LEGGI ANCHE—> Veronica Maya aggredita con un martello: condannati due muratori

Strage di Capaci ed il simbolo del lenzuolo bianco contro la mafia

Palermo Giovanni Falcone
Giovanni Falcone (sinistra) e Paolo Borsellino, vittime di Mafia

Il lenzuolo bianco, simbolo di purezza, pace e compassione, è un inno alla vita vero e proprio. Ogni anno, in particolare, viene utilizzato come memoria nei confronti degli attentati a Falcone e Borsellino e per condannare qualsiasi atto di stampo mafioso.

Esso ha infatti una storia ben precisa legata a questi accadimenti. Nel 1992, infatti, l’assistente sociale Marta Cimino diede vita al comitato dei lenzuoli e stampò un volantino con questi come simboli chiamando tutti i giovani in raccolta a Palermo. Un modo per uscire allo scoperto e non avere paura della mafia. Chiese, inoltre, di appendere lenzuoli bianchi sui quali andava scritta una frase di condanna al sistema corrotto in memoria delle persone che avevano pagato con la vita a causa di ciò.

Palermo Giovanni Falcone