CONDIVIDI

Mascherine, questione risolta. Ad assicurarlo è direttamente Domenico Arcuri in conferenza stampa. Come poi riferito dal dirigente sanitario, lo strumento sanitario sarà gratuitamente distribuito in ogni scuola a partire dal prossimo 17 giugno. 

test sierologici
Domenico Arcuri (websource)

Questione mascherine risolta, test sierologici pronti e cautele anche per il ritorno a scuola. Sono stati soprattutto questi i punti toccati da Domenico Arcuri, commissario straordinario per l’emergenza coronavirus, durante la conferenza stampa tenuta quest’oggi dalla sede della Protezione Civile.

Mascherine, l’annuncio di Arcuri

“Credo che la partita per le mascherine sia definitamente risolta”, riferisce entusiasta il dirigente sanitario. Perché dopo polemiche e difficoltà nel reperire il prodotto, è arrivata finalmente la spinta governativa promessa: “Questa settimana abbiamo distribuito 43 milioni di mascherine, ovvero il numero più alto di sempre da inizio emergenza”, riferisce il funzionario italiano.

Paste the following code before the "" or "" tag

Oggetti distribuiti non solo tra farmacie e parafarmecie, ma anche tra tabaccai dove ora anche sarà possibile reperire il prodotto al prezzo fisso di 50 centesimi. Mascherine, ora, pronte ad essere smistate automaticamente anche a scuola come riferito da Arcuri.

Potrebbe interessarti anche —-> La Liga spagnola riparte: arriva l’annuncio del Premier 

C’è già un piano condiviso con il Miur per la condivisione dello strumento per tutti coloro che si recheranno presso gli istituti tra quest’estate e settembre. “La mascherina – riferisce Arcuri – sarà disponibile per tutte le scuole già entro il 17 giugno, perché gli esami di maturità andranno fatti assolutamente in sicurezza”. 

Capitolo test sierologici: si partirà da lunedì. “Dalla prossima settimana partirà l’indagine sierologica grazie al personale della Croce rossa e i vari volontari. Sarà l’indagine più grande mai realizzata dai sanitari italiani, la quale ci permetterà di avere delle indicazioni necessarie per affrontare meglio il virus. Possiamo ritenere archiviato positivamente anche questo discorso, ora dobbiamo solo aspettare i risultati”. 

Coronavirus: il numero verde di assistenza psicologica

Coronavirus: Le emergenze segnano nel profondo le comunità colpite. Per questo l’assistenza psicologica riveste un ruolo centrale. Dal 27 aprile psicologi volontari di protezione civile e professionisti rispondono al numero verde gratuito 800 833 833 attivato insieme al Ministero della Salute 👇

Pubblicato da Dipartimento Protezione Civile su Mercoledì 20 maggio 2020