CONDIVIDI

Comparto turistico messo a dura prova dal Coronavirus in tutto il mondo. La Nuova Zelanda pensa a nuove misure per incentivare il turismo interno: settimana corta e più ferie per tutti

settimana corta
(via Pixabay)

Il ritorno del turismo internazionale richiederà inevitabilmente tempi lunghi. Un po’ per le tante restrizioni messe in campo dai vari paesi nel mondo, un po’ per la comprensibile paura dei viaggiatori abituali. La posizione geografica della Nuova Zelanda in questo non aiuta, con i lunghissimi voli necessari per raggiungerla a frenare ulteriormente l’arrivo dei turisti stranieri.

Come sta avvenendo un po’ ovunque allora, Italia compresa, si punta tutto sul turismo interno, con incentivi ad hoc. Le molteplici meraviglie naturali e non solo della Nuova Zelanda sono sicuramente un patrimonio di raro valore, spesso sconosciuto agli stessi neozelandesi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Fase 2 voli, le nuove regole: negli aeroporti cambia tutto

Nuova Zelanda, settimana corta per rilanciare l’economia del turismo

settimana corta
(via Pixabay)

Ecco allora l’idea del governo neozelandese per spingere i cittadini a riscoprire le proprie meraviglie naturali. Una settimana lavorativa più corta, di quattro giorni contro i 5 o 6 canonici, per invogliare a fare weekend più lunghi. L’obiettivo è quello di incentivare single, coppie e famiglie a trascorrere più tempo nelle mete turistiche neozelandesi, contribuendo così al rilancio del settore.

Non solo weekend lunghi. Oltre 200 milioni di euro sono già stati stanziati in supporto all’industria del turismo, per sopperire almeno parzialmente ai tantissimi viaggiatori costretti a rivedere i propri programmi. Secondo le stime infatti, per tornare al traffico aereo precedente alla pandemia si dovrà attendere forse addirittura il 2023.

Sempre in quest’ottica allora il governo neozelandese sta lavorando ad una nuova misura. Un periodo di ferie ulteriore per tutti i lavoratori, ovviamente retribuito, per poter dedicare più tempo al turismo e allo svago in genere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spiagge e stabilimenti balneari, quando si potrà andare al mare