CONDIVIDI

Nonostante il Covid-19 sia in netta discesa, in Veneto è scontro aperto tra il virologo Crisanti e il governatore Zaia sul piano dei tamponi

veneto cristanti zaia tamponi
Il Coronavirus in Italia sembra perdere aggressività (Foto: Getty)

Il Veneto è stata una delle prime Regioni italiane, insieme alla Lombardia, ad essere duramente colpite dal Covid-19. Ma, con un attento monitoraggio e isolamento dei focolai, ora il territorio del Nord-Est del Paese, secondo i dati delle ultime settimane, è quasi uscito dal tunnel. Nonostante ciò in Regione è ancora in atto un duro scontro tra il governatore Luca Zaia e il virologo, direttore del laboratorio di Microbiologia di Padova Andrea Crisanti. L’oggetto della contesa sembra essere la paternità e i meriti del cosiddetto “modello Veneto”, cioè quello dei tamponi a tappeto per uscire in fretta dall’epidemia. Crisanti ha affermato, senza mezzi termini che il presidente dica “baggianate“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fase 2 Veneto, riaprono i parchi divertimento e non solo: l’ok da lunedì

Covid-19, in Veneto pochi contagi: botta e risposta tra Crisanti e Zaia

veneto cristanti zaia tamponi
Luca Zaia (Foto: Getty)

Il virologo fu il primo, ad inizio febbraio, prima ancora che fosse accertati casi di Covid-19 in Italia, ad affermare l’esigenza di effettuare i tamponi non solo a chi mostrava sintomi, ma a coloro che rientrassero dalla Cina. A ciò la Regione, tramite un documento redatto dal direttore della sanità veneta Domenico Mantoan, rispose che non era previsto da nessun protocollo approvato e che le spese non sarebbero rientrate nel budget della sanità nazionale.

Dopodiché Crisanti si è concentrato soprattutto sullo studio epidemiologico del primo focolaio di Vo’ Euganeo, dove tutti i 3.300 abitanti sono stati testati. Nelle ultime settimane, con il Veneto vicino agli zero casi, tra lo stesso medico e Zaia sono uscite fuori diverse dichiarazioni, ognuna intenta a portare l’acqua al proprio mulino. Mentre il governatore sostiene che il merito sia soprattutto al piano predisposto dal Servizio di Prevenzione regionale, Crisanti afferma, al contrario, che la sua volontà di effettuare i tamponi a febbraio era stata frenata dalla stesso.

LEGGI ANCHE >>> Covid-19, Zaia spiazza tutti: “Il Veneto è pronto ad aprire tutto e subito”

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24