Coronavirus, dott. Borghetti: “Potrebbe essersi attenuato”

0

Coronavirus: in una recente intervista il radiologo Maurizio Borghetti dell’ospedale di Crema si è espresso circa la diminuzione dei contagi in Italia.

Tac
Dott. Borghetti spiega l’importanza della tac (photo Gettyimages)

Coronavirus: ad intervenire sull’attuale situazione generale è il medico radiologo Maurizio Borghetti. Nell’ambito di una recente intervista a Radio Radio, il medico si è espresso su due tematiche importanti: l’attuale diminuzione dei contagi in Italia e l’importanza di una diagnosi peculiare.

Come riporta Radio Radio, Borghetti ha tenuto a precisare anche l’importanza, in tal senso, del ruolo dei radiologi, paragonati, richiamando il testo di una canzone, alla figura del “mediano”: “Noi radiologi forniamo le palle..ai gol ci pensano gli altri”.

Leggi anche >>> Vaccino coronavirus, AIFA: disponibile a metà 2021

Dott. Borghetti: l’importanza della Tac per il Coronavirus

Tac
Tac come strumento di diagnosi per il Coronavirus (photo Gettyimages)

Come leggiamo dalla fonte, il radiologo ha precisato l’importanza dell’uso di test peculiari per le diagnosi. Secondo il medico, infatti, la diagnosi più precisa in assoluto ce la restituisce solo la Tac, dal momento che, come egli stesso riferisce, “il tampone da un’elevata presenza di falsi negativi”.

È anche vero, però, che non si possono fare tac a tutti. Molti dei contagiati, infatti, non presentano sintomi o, se li presentano, sono molto lievi. I dati delle tac si dimostrano estremamente importanti perché evidenziano le polmoniti. Al momento è l’unico mezzo in grado di vederle con efficacia. Nemmeno le RX, sostiene Borghetti, danno risultati così importanti, perché non ci restituiscono dati sull’estensione.

Il medico, nell’ambito della stessa intervista, si è poi espresso sull’attuale diminuzione dei contagi in Italia. Come riporta Radio Radio, il medico sostiene che la carica virale si è ridotta principalmente grazie al distanziamento. Questo ha impedito al virus di replicarsi e, dunque, di riprodursi. Il virus potrebbe aver mutato qualcosa, sostiene il medico. Ma, in tal senso, Borghetti ha tenuto a precisare che queste sono valutazioni che lascia fare ad altri, non essendo questo il suo campo di competenza.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, l’Iss avvisa: “A breve possibile incremento dei casi”

F.A.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui