CONDIVIDI

Nel Decreto Rilancio è stato inserito un bonus per incentivare l’acquisto di biciclette e monopattini ma bisogna fare attenzione a capire cosa si può comprare e cosa no

Bonus biciclette
Ecco chi avrà il diritto a ricevere il bonus (Getty Images)

Già negli scorsi giorni vi avevamo parlato del bonus riguardante bici e monopattini e spiegato chi potrà usufruire dell’incentivo. Stavolta, però, per evitare possibili errori e spiacevoli sorprese, andiamo a scoprire cosa si può acquistare e cosa no e, soprattutto, come far sì che lo sconto venga applicato correttamente.

Si possono acquistare biciclette, incluse quelle con pedalata assistita, veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica. Stiamo parlando, nel dettaglio, di segway, hoverboard e monopattini. Si può usufruire dell’incentivo anche per quei servizi di mobilità condivisa per uso individuale. Fanno eccezione, come ovvio che sia, le auto. Si possono acquistare anche bici usate e di stampo tradizionale.

Non è possibile l’acquisto degli accessori come batterie, caschi, catene, ricambi ed altro. L’incentivo è valido per una sola spesa.

LEGGI ANCHE—> Fase 2, Nuova Zelanda: settimana corta e più ferie per rilanciare il turismo

Bonus biciclette e monopattini, come ottenere il rimborso correttamente

monopattini elettrici (Getty images)

Per quel che riguarda la riscossione corretta del rimborso, valido per il 60% della spesa o per un totale massimo di 500 euro, il ministero dell’Ambiente fa chiarezza.

Prima che venga resa operativa l’applicazione del bonus sul web, si potranno acquistare i mezzi presso qualsiasi negozio (anche online) conservando la fattura e non lo scontrino. Successivamente, bisognerà collegarsi sul sito del ministero dell’Ambiente con le credenziali SPID e presentare istanza di rimborso allegando il documento che giustifica la spesa. L’incentivo copre anche gli acquisti fatti a partire dal 4 maggio 2020 e fino al 31 dicembre.

Quando invece sarà già operativo il bonus online, si avrà lo sconto direttamente dal rivenditore. In questo caso bisognerà solamente consegnare il buono spesa digitale, generato online, al rivenditore presso il quale si acquisterà il materiale.

I buoni di spesa hanno una validità di 30 giorni dalla relativa generazione, pena l’annullamento.

LEGGI ANCHE—> Fase 2, riapertura negozi: spunta la “tassa Covid” sugli scontrini