CONDIVIDI

In Russia, una giovane infermiera ha deciso di ovviare al troppo caldo indossando un bikini sotto la tuta anti Coronavirus. Le immagini

russia infermiera
In Russia, l’emergenza Coronavirus è in continuo peggioramento (photo Gettyimages)

Negli ultimi mesi, medici e infermieri di tutto il mondo stanno lavorando giorno e notte per salvare più vite possibili. L’emergenza Coronavirus continua ad essere un problema molto serio, che fa registrare numeri drammatici sia di nuovi contagi che di decessi. La Russia, a distanza di qualche settimana, è ora nel pieno dell’emergenza, con oltre 317mila casi.

Da Tula, una cittadina a poco meno di 200 km da Mosca, arriva una storia molto curiosa che sta facendo il giro del web. Come riportato dal Daily Mail, una giovane infermiera di una struttura ospedaliera ha trovato una soluzione alternativa per combattere il troppo caldo in reparto. Sotto la tuta anti Coronavirus, la donna ha deciso di indossare solamente un bikini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fase 2, occhi puntati sulla movida: arrivano multe e sospensioni licenze

Russia, infermiera in bikini: “Faceva troppo caldo”

russia infermiera bikini
L’infermiera di Tula in bikini (Twitter)

La notizia della giovane infermiera dalla Russia sta facendo il giro del web. La donna, per ovviare al troppo caldo in un ospedale di Tula, ha deciso di proseguire lavorando solamente con un bikini sotto la tuta protettiva anti Coronavirus. Una scelta impossibile da non notare per i pazienti e i suoi colleghi, che la hanno immediatamente immortalata. La storia, riportata dal Daily Mail, è ora sulla bocca di tutti.

Per giustificarsi, l’infermiera ha raccontato che: “Faceva veramente troppo caldo“. La scusa non è però bastata alla direzione dell’ospedale, che la ha condannata per abbigliamento non conforme ai requisiti medici. Poco dopo, anche il Ministero della Salute russo ha comunicato che la giovane infermiera è stata sottoposta ad una sanzione disciplinare.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, tasso di mortalità nel mondo: la Svezia è al primo posto