CONDIVIDI

Jon Whiteley è morto. Attore prodigio in giovanissima età, l’uomo nato in Scozia si è spento poche ore fa, dopo aver vissuto una vita piena. 

morto Jon Whiteley
Jon Whiteley (via Oxford edu)

 Jon Whiteley è un nome che diversi decenni fa avrebbe detto molto agli amanti del cinema e poco agli studiosi dell’arte. Negli ultimi decenni, invece, la cosa probabilmente è cambiata. L’uomo è nato in Scozia, precisamente a Monymusk nel lontano 19 febbraio 1945. Nel 1951 esordisce con La Colpa del Marinaio e poi dopo, nel 1953, il suo ruolo più famoso I Confini del Proibito. Per quel ruolo, l’allora ancora giovanissimo Jon Whiteley vinse l‘Oscar giovanile ed iniziò un’ascesa che però, purtroppo, non ebbe una durata lunghissima. Dopo la vittoria dell’Oscar prese parte in altri tre film dal 1955 e il 1956, ovvero Il giardiniere spagnolo, L’arma del delitto e Il covo dei contrabbandieri. Fece anche un’apparizione in un episodio della serie tv Robin Hood nel 1957.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Azzolina: “Ritorno a scuola dipenderà dalla situazione”

Jon Whiteley è morto: dall’Oscar giovanile alla storia dell’arte

La mamma presto lo spinse però a continuare gli studi e tornò sul piccolo schermo soltanto nel 1966 con un’apparizione nella serie Jericho. Proseguì comunque gli studi e si laureò con un dottorato di ricerca dell’Università di Oxford. Ha anche scritto dei saggi importanti su alcuni pittori ed artisti del rinascimento francese, diventando uno scrittore di successo nel panorama degli studi artistici. Ha anche lavorato al Museo di Oxford come assistente conservatore della collezione. Si è spento il 19 maggio 2020, all’età di 75 anni.

LEGGI ANCHE —> Instagram: annunciata l’introduzione di un’importante novità