CONDIVIDI

Superciclone Amphan, l’India e il Bangladesh sono in ansia. Oltre ai danni meteorologici si teme anche per i contagi da Covid-19, in grosso aumento nei due Paesi

Ciclone Amphan
Superciclone Amphan, India e Bangladesh in ansia: gli aggiornamenti (Foto: Getty)

Il ciclone Amphan sta iniziando a creare danni a terra dopo aver raggiunto le coste di India e Bangladesh nelle ultime ore.

La super tempesta sta per approdare tra la città di Digha, nello stato del Bengala Occidentale dell’India e l’isola di Hatiya, in Bangladesh, vicino ai Sundarbans, ha detto il dipartimento meteorologico in un post su Twitter.

I Sundarbans sono un gruppo ecologicamente fragile di isole pianeggianti sparse in India e Bangladesh, noto per le foreste di mangrovie e la fauna selvatica rara, compresa la tigre del Bengala in via di estinzione.

Il ciclone Amphan è destinato a mostrare tutta la sua forza devastatrice nelle prossime ore, portando forti venti e forti piogge nella regione costiera dell’India e del Bangladesh. Prima dello sbarco, il Bangladesh ha evacuato 2,2 milioni di persone e l’India ne ha trasferite più di 430.000.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Meteo, arriva il ciclone: piogge sparse su tutta la penisola

Superciclone Amphan, India e Bangladesh in ansia: gli aggiornamenti

Ciclone Amphan
Superciclone Amphan, India e Bangladesh in ansia: gli aggiornamenti (Foto: Getty)

I dati del superciclone Amphan sono spaventosi e non avevano precedenti ormai da diversi anni. 2.800 chilometri è il diametro del campo nuvola associato alla tempesta – equivalente a circa la distanza da Lisbona a Varsavia.
7,9 milioni di persone potrebbero essere colpite dalla tempesta, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) in Asia. PDC Global, una società di ricerca applicata con sede presso l’Università delle Hawaii, ha dichiarato che 1,97 milioni di persone potrebbero essere esposte a pericoli a causa della tempesta.
4-5 metri è l’altezza raggiungibile della tempesta nelle parti colpite dal delta del fiume Gange – abbastanza in alto da abbattere le case.
160-170 km è la velocità con cui i venti vicino al centro della tempesta sono stati segnalati a mezzogiorno (ora indiana) secondo il dipartimento meteorologico del paese asiatico. Raffiche registrate fino a 190 km/h. Tutto questo in due Stati come India e Bangladesh che ancora stanno combattendo con la diffusione del Covid-19 e vedono le loro misure di lockdown completamente annullate per far fronte all’emergenza. Si prevede un rialzo significativo dei contagi nei prossimi giorni, dato l’assembramento delle persone in fuga.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> India e Bangladesh, in arrivo la tempesta perfetta: milioni di sfollati