Fase 2, dal caffé al parrucchiere: salgono i prezzi adesso 

0
7

Fase 2, sorpresa per i consumatori: spunta un rincaro prezzi generali tra le svariate attività. “Speriamo siano solo casi isolati”, riferisca il Codacons. Ecco quanto in più potremmo mediamente spendere questo mese. 

marsala caffè 50 euro
A Marsala un cliente ha pagato volutamente un caffè 50 euro (Getty Images)

Negozi e attività hanno riaperto, sì, ma con rincari. E’ stata questa la sorpresa per le tante persone che ne hanno approfittato di questa fase 2 per fare giri o compere tra ieri e oggi. Molti prezzi sono aumentati e si va da alcune banalità a cose più serie e necessarie.

Fase 2, aumentano i costi in Italia

A Milano, per esempio, caffè e cappuccino sono leggermente saliti e sono passati rispettivamente da 0.90 centesimi a un euro e 1.30 a 1.40. Piccolezze, per carità, ma che moltiplicate per un potenziale numero di clienti fornisce sicuramente una spinta aggiuntiva dopo aver tenuto botta per oltre due mesi.

Ma nel capoluogo lombardo, secondo alcune segnalazioni, si sarebbe arrivati addirittura a 2 euro per una tazzina di caffè. “Speriamo si tratti solamente di casi isolati e non di una decisione di massa per recuperare i costi di sanificazioni e spese aggiuntive”, ha riferito Carlo Rienzi, presidente del Codacons.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus fase 2, Conte: “Stiamo procedendo bene. Sui vaccini…”

Il rialzo, tuttavia, riguarderebbe anche altri contesti. Alcuni parrucchieri, per esempio, lo hanno già annunciato in virtù delle asciugamani monouso e di tutte le precauzioni ora necessarie per operare. Anche il cibo costerà di più: ad aprile, per esempio, si è registrato un aumento del 2.8% come evidenzia l’Istat.

Secondo quanto riferisce il Codacons, questa nuova fase 2 porterà nel complesso un costo aggiuntivo di circa 500 euro a famiglia. Una bella batosta, secondo le statistiche, che servirà nient’altro che a fare ciò che facevamo comunemente nell’epoca pre Covid-19. Ma attività e aziende, adesso, vorranno recuperare quanto perso durante l’apnea scattata lo scorso 11 marzo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui