Vacanze estive: le regole per tornare nei rifugi in montagna

Per le prossime vacanze estive in montagna, il Club Alpino Italiano ha diramato una serie di regole per tutti coloro che vorranno recarsi nei rifugi appenninici.

Rifugio montagna
Rifugio montagna (photo Pixabay)

Fase 2, vacanze estive: i servizi turistici iniziano, in maniera graduale, a riaprire. Come riporta La Repubblica, quella dei rifugi alpini è apparsa, fin da subito, una categoria in particolare difficoltà, vista le notorie difficoltà di garantire regole di distanziamento. Come leggiamo dalla fonte, il Club Alpino Italiano ha diramato una serie di regole, dieci per l’esattezza, a cui dovranno attenersi tutti gli appassionati di montagna e di rifugi, al fine di garantire il rispetto delle regole.

Il decaolo, come riporta Repubblica, ha preso il nome di “Pianorifugio sicuro” ed è stato elaborato attraverso la Commissione centrale rifugi.

Leggi anche >>> Lo sfogo del Sindaco di Parma: “Fase 2 non è fare ciò che si vuole”

Vacanze in montagna: il Cai ha diramato le regole per i rifugi alpini

Vacanze in montagna
Vacanze in montagna (photo Gettyimages)

Vincenzo Torti, presidente del Club Alpino Italiano, come riporta La Repubblica, ha annunciato che ogni frequentatore della montagna dovrà esser particolarmente ispirato da un senso di autoregolamentazione, prudenza e responsabilità. Vediamo nel dettaglio le dieci regole diramate dal Cai e riportate dalla Repubblica:

Per prima cosa: il pernottamento quest’anno deve essere obbligatoriamente prenotato. Prima di iniziare l’escursione, ogni escursionista dovrà assicurarsi di essere in buona salute. Il gestore, che si trova fuori dal rifugio, darà tutte le indicazioni, per cui, è bene attendere fuori ed ascoltarle. Se il meteo lo permette, le bevande andranno consumate fuori dal rifugio.

Sarà il gestore a indicare dove gli escursionisti potranno lasciare zaini e attrezzature tecniche. Ogni escursionista dovrà assicurarsi di essere in possesso di mascherine, guanti e gel disinfettante a base alcolica. Questi dovranno essere utilizzati ogni qual volta si entra in un rifugio e quando non si può mantenere la distanza di sicurezza.

Per pernottare nel rifugio, ogni escursionista dovrà portare con sé il sacco a pelo o un lenzuolo personale. Un’altra regola è quella di lavarsi spesso le mani e usare asciugamani personali. Il gestore può misurare la temperatura corporea degli escursionisti, se questa è superiore a 37,5 gradi, il gestore può vietare l’ingresso nel rifugio. Ultima importante regola: ogni escursionista dovrà riportare a valle i dispositivi individuali di protezione usati e tutti i rifiuti.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, Germania: vacanze in Italia ancora da valutare

F.A.