CONDIVIDI

Fase 2 ristoranti, dalla Francia arriva una possibile soluzione per mangiare. Uno studio di design ha progettatio delle campane in plexiglass

Ristorante Fase 2, il progetto francese (Instagram Christophe Gernigon Studio)

Fase 2 ristoranti, dalla Francia arriva una proposta orginale e funzionale per permettere la riapertura dei locali. Ii designer transalpino Christophe Gernigon ha sviluppato un progetto anti-contagio concretizzato in una serie di campane in plexiglass. Scendono direttamente dal soffitto come fossero candelabri e servono a proteggere il singolo cliente seduto al tavolo.

La prima immagine diffusa sul profilo Instagram dello studio illustra chiaramente il progetto. Vediamo enormi visiere in plexiglass, aperte solo sul retro per evitare che i clienti possano soffrire di claustrofobia.  Il progetto, ribattezzato ‘Plex’Eat’, prevede che ogni cliente seduto ad un tavolo di un ristorante sia assolutamente distanziato dai vicini. Grazie a questa originale campana in plexiglass sarà possibile cenare o prendere un aperitivo in tranquillità e sicurezza. Resta da capire come le persone allo stesso tavolo potranno chiacchierare tra di loro, ma quella è la fase successiva.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Ristoranti e Coronavirus: i modi più originali per mantenere la distanza

Ristoranti, dopo il Coronavirus mangeremo tutti sotto una campana?

ristoranti coronavirus distanza
I ristoranti si preparano alla riapertura (Twitter)

Così Gernigon ha illustrato la genesi del suo progetto. “Ero preoccupato per i ristoratori. Così ho pensato a un dispositivo che ci permettesse di ritrovare la convivialità attorno a un tavolo ma senza correre rischi”. Come ha spiegato il designer, l’idea è nata doper aver visto una poltrona scoperta in un negozio in Asia. Era sormontata da una campana che permetteva di ascoltare la musica in silenzio.

Al momento in realtà ‘Plex’Eat’ è solo in fase di progetto. Ma è bastato mostrarla via social per suscitare l’interesse di un industriale che ha già contattato il designer. Non è ancora choaro quando e se il progetto potrà entrare in produzione. E lo stesso Gernigon ha già detto detto che è troppo presto per calcolare una stima del prezzo di ogni dispositivo.