CONDIVIDI

Fase 2 concerti, spettacoli e cinema: nel Decreto del governo fissate regole precise per la riapertura dopo il 15 giugno

coronavirus cinema
Riapertura delle sale cinematografiche. le regole (Getty Images)

Fase 2 concerti, spettacoli e cinema ma anche teatri. C’era grande attesa per capire che cosa poteva riprendere e con quali condizioni. La data fissata dal governo nel nuovo Decreto è quella del 15 giugno, ma sono state scritte anche altre regole precise soprattutto sulla capienza.

Gli eventi estivi sono salvi, ma soltanto in parte. Gli spettacoli in teatri, sale da concerto e cinema possono riprendere dal 15 giugno sì. Ma solo “con posti a sedere preassegnati e distanziati”, rispettando la consueta distanza di un 1 metro sia per il personale che per gli spettatori. Nel nuovo Dpcm sulle riaperture è stato anche indicato un numero massimo di 1000 persone per gli spettacoli all’aperto e 200 per quelli al chiuso, ma per ogni singola sala. Alle Regioni in ogni caso è affidata la possibilitò di stabilire una data diversa per la ripresa, in base alla curva dei contagi. Rimane comunque il divieto per qualsiasi assembramento oltre che per sale da ballo e discoteche.

Rapper muore per attacco epilettico
Fase 2 concerti, solo 1000 persone ammesse (Getty Images)

In mezzo alle varie disposizioni, c’è anche il distanziamento tra gli artisti, con la misurazione della febbre a tutto il personale e al pubblico. Divieto di partecipazione per chi faccia registrare più di 37,5 gradi di febbre. Inoltre uso obbligatorio della mascherina e nessuna vendita di cibo. Quindi sia al cinema che negfli altri spettacoli, niente pop corn e bibite. Dove sarà possibile, è raccomandato l’utilizzo di biglietti elettronici e la limitazione dell’uso del contante. Raccomandato anche il mantenimento delle distanze personali nell’accesso ai servizi igienici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Concerti on line: è anche una questione di sopravvivenza

Cinema, teatri e spettacoli, tutte le regole per aprire le sale dal 15 giugno

Tra le altre regole previste per gli organizzatori degli spettacoli,  adeguata pulizia e igienizzazione periodica degli ambienti chiusi e dei servizi igienici. Questo, anche tra i diversi spettacoli della giornata. E ancora, adeguata aereazione naturale e ricambio d’aria, con rispetto delle raccomandazioni che riguardano sistemi di ventilazione e di condizionamento. Obbligatoria anche un’ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani, quelli che ormai conosciamo bene.

Ligabue
Concerti, le nuove regole in Fase 2 (Getty images)

A teatro, nei cinema e nelle sale da concerto, previsto l’utilizzo della segnaletica per far rispettare la distanza fisica di almeno 1 metro. Tutto questo sia presso le biglietterie che gli sportelli informativi, oltre che all’esterno dei luoghi dove si svolgono gli spettacoli. Infine la comunicazione agli utenti, anche atttraverso l’utilizzo di video, delle misure di sicurezza e di prevenzione del rischio da seguire nei luoghi in cui è ospitato lo spettacolo. Basterà per ridare ossigeno ad un settore in profonda crisi?