Fase 2 turismo, Germania e Austria alleate: così faranno fuori l’Italia

Fase 2 turismo, Germania e Austria alleate: una manovra congiunta per tagliare fuori l’Italia, considerata ancora a rischio

coronavirus germania italia
La cancelliera tedesca Angela Merkel (Getty Images)

Fase 2 turismo, Germania e Austria alleate con un obiettivo preciso. Tagliare tutti i ponti con l’Italia che almeno fino alo mese di giugno sarà di fatto irraggiungibile. I due Paesi hanno infatti deciso di aprire reciprocamente le frontiere tra di loro ma anche che Svizzera e Francia. Succederà dal 15 giugno ma nell’accordo l’Italia non è contemplata.

Lo ha spiegato non più tardi di ieri il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, in una conferenza stampa. “Abbiamo concordato con la Germania di riaprire i confini a partire dal 15 giugno – ha spiegato – perché il numero di casi positivi ci consente di farlo. Siamo in contatto anche con altri Paesi per valutare accordi e soluzioni”.

E infatti arriveranno. Ma con Italia e Spagna nessun dialogo, il nostro Paese è considerato ancora a forte rischio contagio e per questo non ci sono novità in vista a breve. Una decisione formalmente corretta ma che in realtà nasconde un piano ben preciso. Dirottare altrove il turismo e quindi i soldi di tedschie e austriaci, almeno per la prossima estate.

covid respirazione bagnini
Spiagge, in Italia spariscono i tedeschi? (Pixabay)

Cosa possa significare in concreto lo dicono i numeri. I turisti tedeschi in Italia, a comicniare dal Trentino Alto Adige e dalla Romagna sono ogni anno almeno 12 milioni. Meno, in proporzione, di quelli che arrivano  da Tirolo e Stiria, ma comunque unan fetta cospicua di entrate e di Pil per il nostro Paese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Austria: “Confini con l’Italia per il momento restano chiusi”

Germania, i turisti dirottati sulle spiagge di Slovenia e Croazia

Almeno per il prossimo mese però non sarà così. Scordiamoci le frotte di tedeschi in Italia. Piuttosto saranno dirottati verso la Turchia, che in alcune città di mare come Antalya è già feudo tedesco, ma anche sulla Slovenia che offre maggiori garanzie sotto tutti i punti di vista. Stesso discorso vale anche per la Croazia, facilmente raggiungibile in macchina. E per spingere su questa scelta, le spiagge dei due Paesi ex jugoslavi vengono definite ‘Covid free’. Un assist perfetto contro il quale l’Italia al momento non può difendersi.

Italia spiagge Coronavirus
Italia, le spiagge rischiano di rimanere vuote (Getty Images)

Non è un caso che la Provincia di Bolzano, il primo corridoio verso l’Italia passando dal Brennero, sia in pressing sul governo. Ma gli unici a poter sbloccare la situazione sono i rispettivi ministeri degli Esteri che al momento sembrano non avere un dialogo aperto.

Però è possibile che si sblocchi prima l’impasse con la Spagna, in particolare riaprendo il traffico con le Baleari, colpite pochissimo dal contagio. Lufthansa in effetti ha annunciato che riprenderà i collegamenti con Maiorca da giugno. E dalla Germania giovedì saranno riattivati i voli di linea su Atene, poi da fine mese su Creta. Come a dire che il turismo in Italia, nonostante i provvedimenti compresi nel Decreto Rilancio, potrebbe andare incontro ad una stagione di lacrime e sangue.