Fase 2: nuove alternative per la vendita di mascherine

Fase 2: nuovi scenari in vista per la vendita di mascherine protettive. Dopo lo scontro tra il Commissario per l’emergenza e i distributori, si studiano le alternative per uscire da questa situazione di carenza.

durata mascherina
Mascherine presto anche al tabaccaio (photo Pixabay)

A seguito dello scontro tra il Commissario per l’emergenza e i distributori di mascherine protettive, arrivano importanti aggiornamenti in merito alla distribuzione. Come riporta l’agenzia Ansa, infatti, si aprono nuovi scenari per superare questa difficoltà: presto, le mascherine saranno in vendita anche presso i tabaccai, in confezioni da venti.

In base a quanto leggiamo dalla fonte, si sono fatti avanti anche ferramenta e cartolerie che hanno dimostrato il loro interesse. Per quanto riguarda i supermercati, sono stati già annunciati 19 milioni di dispositivi venduti. Arcuri, in tal senso, ha fatto notare come, nell’ambito della distribuzione, la rete funziona per i supermercati, mentre la rete che approvvigiona i farmacisti no.

Leggi anche >>> Fase 2 spiagge: lettini, prenotazioni, piscine per salvare le vacanze

Fase 2: il prezzo delle mascherine rimarrà lo stesso

Mascherine
Mascherine (photo Pixabay)

Alle parole di Arcuri, riportate da Ansa, arriva la tempestiva replica dei farmacisti, rappresentata dal presidente della Federazione dei Farmacisti: “Abbiamo pagato un pesante tributo in termini di colleghi contagiati e uccisi dalla Covid-19“.

In questa difficile situazione, come leggiamo dalla fonte, si sono fatti avanti i tabaccai. Nelle prossime settimane, fa sapere Arcuri, si potrebbe perfezionare l’accordo con i tabaccai, che vantano una vasta diffusione in tutto il Paese. L’interesse sembra ora arrivare anche da cartolerie e ferramenta, che, da quanto si apprende, vorrebbero entrare nella vendita.

Per quanto riguarda il prezzo delle mascherine protettive, Arcuri fa saper che non cambierà. Sarà dunque mantenuto il prezzo di 50 centesimi più Iva, ovvero 61 centesimi totali.

Tra le ipotesi che il governo sta studiando, c’è quella dell’obbligatorietà di mascherine protettive nelle scuole a partire da settembre. Come riporta Ansa, si sta lavorando su questa ipotesi per consentire un sicuro rientro nelle scuole dal prossimo settembre.

Potrebbe interessarti anche: Regolarizzazione migranti, il Movimento 5 Stelle si oppone: accordo difficile

F.A.