Coronavirus in Russia, boom di casi ma Putin allenta il lockdown

Coronavirus in Russia, boom di contagi e anche l’Italia è superata. Ma il presidente Putin da domani allenterà la morsa sul Paese

Putin Russia Fase 2
Vladimir Putin annucia i provvedimenti per la Fase 2 (Getty Images)

Coronavirus in Russia, i numeri dicono che il Paese non è ancora pronto. Nelle ultime 24 ore infatti è stato registrato un nuovo record di casi di contagio, pari a 11.656, che portano il totale a 221.344 superando così Italia. In tutto invece i decessi finora sono 2.009. Quindi secondo i dati della Johns Hopkins, la Russia è dietro alla Spagna e agli Usa nei contagi totali, anche se non in rapporto alla popolazione.

Mosca rimane ancora la più colpita dal Covid-19 con 115.909 infetti, anche se il 46,5% dei nuovi casi è asintomatico. Numeri che però nonm cambiano le convinzioni di Vladimir Putin. Lo ha annunciato oggi con un discorso alla nazione in videoconferenza.
“Da domani, 12 maggio, i giorni non lavorativi per l’intero Paese e per tutti i settori dell’economia finiscono. Ma la lotta contro l’epidemia non finisce. I rischi persistono, anche nei territori in cui la situazione è relativamente favorevole”, ha detto.

Al tenpo stesso però ha difeso la strategia adottata dal governo. In effetti il rapporto tra contagiatri e morti è molto basso e Putin è convinto che sia stato merito delle misure preventive adottate, capaci di salvare migliaia di vite. Ora toccherà ai governatori delle regioni determinare aperture e chiusure per fare ripartire l’economia. Ovviamente però seguendo le indicazioni dei funzionari centrali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Russia, Putin potrebbe stare al governo fino al 2036: più di Stalin

Putin stanzia nuove misure di sostegno per le famiglie e le industrie

Coronavirus Putin lockdown
Coronavirus, la Russia di Putin cerca di uscire dal lockdown (Getty Images)

Vladimir Putin ha proposto un pacchetto di misure destinate alle famiglie e al lavoro, paragonabile al Decreto Rilancio che sta per partire in Italia. Tutte le famiglie bisognose con bambini potranno ricevere poco più di 400 euro a bambino una tantum nel mese di giugno, mentre i i sussidi per i figli saliranno a 40 euro. Inoltre sempre dal 1° giugno saranno versato una tantum pooco più di 100 euro per ogni figlio dai 3 ai 15 anni.

Ancora, dal 1° giugno sarà lanciato un programma speciale di prestiti alle imprese per pagare gli stipendi ai dipendenti. Se l’azienda mantiene il 90% del proprio personale, la somma de prestito e gli interessi saranno cancellati. Inoltre il tasso sui nuovi prestiti a sostegno dell’occupazione sarà del 2%. Saranno anche
eliminate le tasse e i contributi assicurativi nel II trimestre a carico delle piccole e medie imprese colpite dagli effetti della pandemia per il II trimestre. E ai lavoratori autonomi saranno restituite le imposte versate nel 2019.