Fase 2 Roma, dal 18 maggio riaprono anche i parrucchieri

0

Fase 2 a Roma, dal 18 maggio apertura a fasce per le attività commerciali: riaprono anche i parrucchieri

Fase 2 Roma
(Getty Images)

La capitale riparte, con cautela, ma va. La fase 2 di Roma è stata divisa in 3 fasce orarie da Virginia Raggi, sindaco della capitale d’Italia. E’ stata infatti firmata l’ordinanza che entrerà in vigore dal 18 maggio fino al 21 giugno. Di seguito la suddivisione:

  • Fascia 1: esercizi alimentari, laboratori alimentari, medie e grandi strutture di vendita del settore alimentare, i panificatori. Apertura entro le 8.00 e chiusura entro le 15.00 oppure apertura entro le 8.00 e chiusura dopo le 19.00 ed entro le 21.30.
  • Fascia 2: laboratori non alimentari e noleggio di veicoli senza conducente. Aperture da effettuarsi tra le 9.30 – 10.00, le chiusure tra le 18.00 e le 19.00.
  • Fascia 3: esercizi di vicinato e medie e grandi strutture di vendita del settore non alimentare (ad esclusione dei Centri Commerciali), gli acconciatori e gli estetisti, iPhone Center – Internet Point. Apertura dalle ore 11.00 alle ore 11.30, chiusura dopo le ore 19.00 ed entro le ore 21.30.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Fase 2, cos’è concesso fare in macchina e cosa non lo è

Fase 2, proteste a Roma per mancata manutenzione dei parchi

Durante la delicata fase di lockdown, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, aveva annunciato la manutenzione di parchi, giardini e luoghi pubblici aperti, in vista della ripartenza nella cosiddetta fase 2. Come riporta Roma Today, la sindaca aveva inoltre elencato alcuni interventi, che gli addetti ai lavori avrebbero poi messo in campo, per l’adeguata manutenzione.

Eppure, la situazione non sembra essere quella preannunciata qualche tempo fa e, come leggiamo dalla fonte, alcuni cittadini stanno inoltrando diverse segnalazioni sullo stato in cui si trovano attualmente molti parchi romani. Tra le situazioni più gravi, da questo punto di vista, sembra esserci il parco FAO, in zona San Paolo, intitolato a Giancarlo Sbragia.

Il Presidente del Comitato di quartier Insieme San Paolo, come riporta Roma Today, lo ha letteralmente definito “parco degli orrori”, dal momento che l’area verde è completamente “invasa di rifiuti”. I cittadini, come leggiamo dalla fonte, hanno sollecitato via mail, ma nulla è stato ancora fatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui