Coronavirus, a Wuhan nuovo caso dopo oltre un mese

Dopo oltre un mese a Wuhan, epicentro del coronavirus, si è registrato un nuovo caso Covid-19 che versa in gravi condizioni

Le strade di Wuhan

A Wuhan, città cinese che è stato l’epicentro dell’epidemia da coronavirus, dopo oltre un mese (l’ultimo al 4 aprile scorso) si è registrato un nuovo caso di contagio da covid-19. A renderlo noto la commissione sanitaria della città. A quanto pare, il paziente verserebbe in gravi condizioni. Ad oggi, per quel che riguarda Wuhan, si registrano 3.869 morti a fronte di 50.334 casi.

Nelle ultime 24 ore in tutta la Cina sono stati rilevati “solo” 14 nuovi contagi. Questa risalita è concentrata in gran parte nella città di Shulan, nella provincia nord-orientale di Jilin, dove vi sono 11 dei 14 nuovi casi. Stiamo parlando di familiari ed altre persone che hanno avuto contatti con una donna positiva al coronavirus dal 7 maggio scorso.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, ecco i Paesi che lo hanno sconfitto. L’Italia è vicina

Coronavirus, falle nel sistema sanitario cinese

Intanto dalla Cina fanno “mea culpa” affermando che il sistema sanitario ha presentato delle lacune che hanno messo in difficoltà la nazione nell’affrontare la situazione. Promettono, comunque, maggiori sforzi in tema di prevenzione. Ad ammetterlo è stato Li Bin, vice presidente della commissione sanitaria nazionale.

Ora si valuta una strategia per modernizzare il sistema di controllo e prevenzione delle malattie grazie a big data, intelligenza artificiale, cloud computing ed altre tecnologie. Si studiano anche delle leggi sulla salute pubblica, il rafforzamento degli scambi internazionali e la partecipazione attiva alla governance globale della salute.

Da Pechino fanno sapere che sosterranno una revisione da parte dell’Oms sulla risposta globale alla diffusione del coronavirus quando la pandemia sarà giunta al termine. Questo dopo lo scontro con l’asse americano che accusa la Cina di false informazioni.

coronavirus contagio sintomi

LEGGI ANCHE—> USA, Anthony Fauci in auto-isolamento dopo un contatto a basso rischio