McDonald’s, vietato mangiare dentro: clienti sparano ai dipendenti

McDonald’s, vietato mangiare dentro: clienti sparano ai dipendenti. Il clamoroso fatto di cronaca è avvenuto ad Oklahoma City

McDonald's clienti sparano
McDonald’s, vietato mangiare dentro: clienti sparano ai dipendenti (Foto: Getty)

Due impiegati del McDonald’s sono stati feriti in un ristorante di Oklahoma City dopo aver comunicato ad alcuni clienti l’impossibilità di mangiare all’interno del locale. I dipendenti avevano semplicemente cercato di far rispettare le misure di prevenzione per il coronavirus, innescando però una violenta reazione.

Il dipartimento di polizia di Oklahoma City ha detto che un cliente di 32 anni, il cui nome non è stato rilasciato, ha avuto una colluttazione con gli impiegati mercoledì sera. Dopo essersi allontanato, è tornato con una pistola e ha aperto il fuoco. ha lasciato il negozio e è tornato con una pistola.

Un impiegato di sesso maschile è stato colpito al braccio, mentre due ragazze di 18 anni hanno riportato ferite al collo e sul fianco. Il sospetto è stato arrestato pochi minuti dopo la sparatoria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, gli Usa superano i 75mila morti; Kim ringrazia la Cina

McDonald’s, vietato mangiare dentro: clienti sparano ai dipendenti

Clienti sparano nel McDonald's
McDonald’s, vietato mangiare dentro: clienti sparano ai dipendenti (Foto: Getty)

Chris Kempczinski, CEO di McDonald’s, ha parlato a “Good Morning America”, affermando che le due dipendenti che sono state colpite “stanno bene e stanno per riprendersi completamente”.

Ovviamente, è un crimine atroce, soprattutto perché queste due persone stavano cercando di sostenere davvero la salute pubblica“, ha detto Kempczinski. “Penso che ciò che stiamo vedendo in questa situazione sia frutto della tensione che c’è in tutto il paese. La preoccupazione della gente per la pandemia di Covid-19 è molto alta, ma ciò non deve giustificare in alcun modo la violenza”.

Questa sparatoria è uno dei numerosi casi di violenza scatenati dalla rabbia per le restrizioni dovute al coronavirus.

La scorsa settimana, una donna, suo figlio adulto e suo marito sono stati accusati di tentato omicidio per aver sparato ad una guardia in Michigan all’ingresso di un negozio. Il tutto per un richiamo dovuto all’assenza di mascherina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dramma a Brescia, uccide la moglie davanti ai tre figli