CONDIVIDI

Crescono le segnalazioni su WhatsApp di una nuova truffa riguardante l’immagine del profilo. Andiamo a scopire tutti i dettagli e come difendersi.

Whatsapp truffa
Attenzione alla nuova truffa sull’immagine del profilo (Foto: Pixabay)

Da quando è nato il web è aumentato il numero di truffatori online. Ogni anno c’è sempre qualche furbetto che prova a lucrare sull’ingenuità delle persone. Dalla nascita degli smartphone è addirittura aumentato il numero dei cyber-delinquenti, pronti a ricattare persone anche per una piccola somma di denaro.

Negli ultimi giorni, anche a causa della apndemia, sono aumentate le segnalazioni su WhatsApp per quella che sembrerebbe una vera e propria truffa legata all’immagine del profilo. L’azienda, come sempre ci ha tenuto a diffidare da chi chiede soldi online. Andiamo quindi a vedere come i truffatori provano ad ingannare gli utenti dell’applicazione di messagistica.

WhatsApp, attenzione alla nuova truffa: svelato il trucco dei truffatori

Whatsapp Truffa
Come difendersi dai truffatori online (via Pixabay)

Bisogna sempre stare allerta quindi dai truffatori online. Infatti nonostante un processo di bonifica da parte dii WhatsApp da catene di Sant’Antonio e messaggi sospetti, continuano a spuntare truffatori del Web. Specialmente durante questa quarantena sono aumentate le segnalazione da parte degli Utenti all’applicazione di emssagistica più usata al mondo. Ma andiamo a vedere di cosa tratta quest’ultima truffa.

I truffatori in questo caso, infatti, derubano l’immagine del profilo crando un secondo profilo fake. Con questo metodo, ancora misterioso alle autorità, riescono a mandare il messaggio truffaldino ai contatti della rubrica del malcapitato. Fingendosi poi la persona dell’immagine, chiederanno una ricarica Postepay.

Sembra cosa da niente, ma purtroppo a volte la gente impaurita cede e ricaricando la Postepay dei truffatori. Per questo motivo, come sempre, vi consigliamo di non dare credito e diffidare da questi messaggi, visto che al 99,9% si tratterà di una vera e propria truffa.

L.P.

Per altre notizie sul mondo della Tecnologia, CLICCA QUI !