Fase 2, orari banche: riaprono diverse filiali ma con limitazioni

Fase 2, orari banche: riaprono diverse filiali ma con limitazioni. Sarà ancora necessario prendere appuntamento per qualsiasi richiesta

Unicredit Bank
Fase 2, orari banche: riaprono le filiali ma con limitazioni (Foto: Getty)

In questa ripartenza prevista dalla Fase 2 rientrano in gioco anche le banche. In un momento così particolare per la nostra economia, vessata da mesi di lockdown, l’importanza dell’accesso al credito è fondamentale, così come la possibilità di accedere ai fondi di sostegno. Anche durante la Fase 1, grazie all’utilizzo massiccio dello Smart Working, le banche sono sempre rimaste operative, ovviamente con pesanti limitazioni e pochissime possibilità di accesso. Le filiali sono rimaste aperte solo per le strettissime necessità e in numero piuttosto esiguo. Un grosso brand come Unicredit aveva durante il mese di aprile solo il 30% delle agenzie in funzione e solo previo appuntamento.

Con i prestiti elargiti dallo Stato e la chance di avere finanziamenti per imprenditori e cittadini, il ruolo chiave della banca torna d’attualità. Ma cosa cambia a livello di orari in questa Fase 2?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sciopero benzinai, previsto un nuovo blocco il 13 e il 14 maggio

Fase 2, orari banche: riaprono diverse filiali ma con limitazioni

Banca Fineco
Fase 2, orari banche: riaprono diverse agenzie ma con limitazioni (Foto: Getty)

Al di là del nome dei vari grandi gruppi bancari, il protocollo stilato dal Governo per questo step del 4 maggio è univoco. Si dovrà procedere alla sanificazione continua dei locali, utilizzo delle mascherine e dei guanti per gli operatori, e ingresso contingentato per mantenere la distanza. Come detto sarà ancora obbligatorio prenotarsi prima di potersi recare in filiale, il tutto per evitare assembramenti e file chilometriche.

L’orario di riferimento rimane quello della mattina (fino alle 13.30), con rarissime eccezioni. La grossa differenza è sul numero delle agenzie che verranno riaperte. Dal 30% della Fase 1 si passerà già da oggi al 50%, per aumentare via via fino al 90% previsto per il 18 maggio. Non sono esclusi cambi di programmazione nel corso di queste due settimane qualora la situazione lo dovesse richiedere. Le direttive governative parlano di aggiornamento costante e quotidiano per valutare le prossime mosse. Se tutto dovesse procedere nel migliore dei modi si potrebbe anche accelerare negli step di ripresa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus: lo smart working rimarrà anche dopo l’emergenza