Fase 2, a Napoli linea Cumana super affollata: la denuncia – VIDEO

È partita ufficialmente oggi la Fase 2. Sulla linea Cumana, a Napoli, questa mattina decine di persone hanno viaggiato senza nessun distanziamento

fase 2 cumana
Da oggi parte ufficialmente la Fase 2: problemi sulla Cumana (Getty Images)

Dopo settimane di lockdown totale e blocco alla circolazione, l’Italia può tornare a respirare. Da oggi, lunedì 4 maggio, parte ufficialmente la Fase 2, che permetterà la ripresa di diverse attività lavorative e l’allentamento di alcune restrizioni relative agli spostamenti. Soprattutto in queste primissime ore, l’obiettivo è quello di mettere in atto controlli serrati per garantire il distanziamento sociale. Tanto sulle strade quanto sui mezzi pubblici.

La situazione sembra essere sotto controllo in tutta Italia, ma arrivano comunque testimonianze di alcuni episodi che fanno parecchio discutere. Questa mattina, a Napoli, la Cumana è stata letteralmente presa d’assalto da decine di lavoratori. Le immagini mostrano l’arrivo di un treno, partito alle 7:00 da Licola e arrivato a Montesanto alle 7:50, completamente pieno di persone. Una volta arrivati a destinazione, i passeggeri sono scesi in massa senza rispettare alcuna distanza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, dalle piscine alle donazioni di sangue: le bufale sul contagio

Fase 2, linea Cumana super affollata: la denuncia dei sindacati

fase 2 cumana
Fase 2, la linea Cumana è stata letteralmente presa d’assalto dai lavoratori, non rispettando le distanze di sicurezza (YouTube)

Con l’inizio della Fase 2, i controlli sui mezzi pubblici e sulle strade dovranno essere ancora più serrati. A Napoli, questa mattina la linea ferroviaria Cumana era affollatissima di passeggeri e lavoratori. Diversi video mostrano decine di persone che, una volta scese dal treno, si muovono ammassate e, in certi casi, senza protezioni.

Immediata la reazione dei sindacati dei trasporti, che hanno denunciato subito il brutto episodio. “Sui treni EAV non ci sono controlli e non si rispettano le distanze” spiega Adolfo Vallini, membro di un sindacato provinciale: “Sono necessarie alcune misure, la situazione di stamattina è drammatica“.

Lo stesso Vallini ha proposto all’EAV una soluzione per evitare ulteriori casi di questo tipo. “Necessario ritorno del servizio a pieno regime, in modo da non permettere assembramenti e garantire lavoro a persone in cassa integrazione“. Il presidente dell’EAV Umberto De Gregorio ha tenuto a specificare che il personale di sicurezza sta facendo il massimo, e questa mattina ha bloccato tantissime persone sprovviste di mascherine e guanti.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid 19, contagi in calo del 45% con il distanziamento: i dati