Covid-19, la rivelazione: “Strani casi di polmonite in Italia a fine 2019”

Covid-19, la rivelazione dell’Ecdc: anche alla fine del 2019 sarebbero stati segnalati strani casi di polmonite in Italia e in Cina

covid polmoniti italia 2019
La sede dell’Ecdc (Getty Images)

Sono molte le voci, più o meno attendibili, che vorrebbero il Coronavirus già presente in Italia molto prima che si manifestassero i primi casi di positività. Ora anche anche lo European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) afferma che alla fine del 2019 erano stati segnalati dei casi anomali di polmonite, sia in Cina, in particolare a Wuhan, e nel nostro Paese. La direttrice dell’agenzia indipendente dell’Unione Europea per le malattie infettive, Andrea Ammon, oggi ha dichiarato tutto ciò in video conferenza. Collegata da remoto con la commissione del Parlamento Europeo a Bruxelles, ha parlato di “cluster di pazienti con polmoniti di origine sconosciuta” già prima dell’inizio del 2020.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, in Olanda riaprono le scuole elementari e medie: la data

Covid-19, la rivelazione dell’Ecdc: virus già in Italia dalla fine del 2019?

covid polmoniti italia 2019
In Italia primi casi di pazienti guariti e nuovamente positivi al Covid (via WebSource)

La direttrice dell’agenzia europea, con sede in Svezia, ha così svelato quando ha avuto per la prima volta la sensazione che si fosse davanti ad un pericolo di pandemia. “Il 9 gennaio abbiamo avuto un primo incontro per parlarne e valutare la possibile minaccia. Il 17 gennaio c’è stata la nostra prima pubblicazione” ha detto la Ammon. Il medico tedesco ha menzionato anche l’Italia nel rapporto del 9 gennaio, per avere dei collegamenti aerei diretti con la città cinese di Wuhan, più grande focolaio mondiale. Nel documento, infatti, si parlava già di polmoniti associate al nuovo Coronavirus proveniente dalla Cina.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, New York nel caos: le immagini del Central Park – VIDEO