Coronavirus, valutazione del Remdesivir: il sì dell’EMA

Importante risvolto positivo per il farmaco Remdesivir, parte la valutazione per combattere il Coronavirus

Coronavirus Remdesivir
(Websource)

Arriva il sì dell’EMA (Agenzia europea per i medicinali) per valutare il Remdesivir come possibile farmaco anti Coronavirus. L’agenzia ha deciso di velocizzare il processo, vista l’emergenza sanitaria, e dare l’ok all’utilizzo dell’antivirale sviluppato per combattere l’Ebola. Tuttavia, l’EMA chiarisce: “L’avvio dello studio non implica che i suoi benefici siano maggiori dei rischi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus: il farmaco anti-artrite funziona, lo dicono i numeri

Remdesivir per combattere il Coronavirus, che farmaco è

Il Remdesivir è un farmaco antivirale introdotto da pochi anni e sviluppato per trattare l’Ebola scoppiata in Africa tra il 2013 e il 2016. Inizialmente la sua sperimentazione aveva portato ottimi frutti, ma l’uso su più grande scala per combattere l’Ebola ha visto altri medicinali più efficaci. Già in precedenza era stato provato contro SARS e MERS, sindromi respiratorie acute causate da altri ceppi di coronavirus, con dei bei risultati. Esso in genere viene somministrato per via endovenosa una volta al giorno.

Guido Silvestri, capo dipartimento di Patologia all’Università Emory di Atlanta e direttore della Divisione di Microbiologia e Immunologia allo Yerkes National Primate Research Centerai nostri microfoni ha parlato del farmaco“Ci sono molti candidati vaccini anti-COVID-19 allo studio, di cui 5 in fase clinica. Questi candidati vaccini usano una grande varietà di concetti e piattaforme sperimentali. Presumo che ci vorrà almeno un anno prima di avere un candidato scalabile per uso di massa. Nel frattempo sarà importante avere buoni farmaci antivirali, ed in questo senso ci sono datai promettenti relativi al farmaco Remdesivir”.