Covid-19, chi si può incontrare: le nuove disposizioni da Palazzo Chigi

COVID-19 chi puoi incontrare: ecco le ultime disposizioni che arrivano da Palazzo Chigi per cercare di gettare luce su un noto controverso dei DPCM.

Coronavirus
Coronavirus (Getty Images)

Con il Covid-19 che continua a fare danni e mietere vittime, le disposizioni governative diventano fondamentali per comprendere come muoversi. Ed è fondamentale che tali disposizioni siano assolutamente chiare, limpide, per permettere ai cittadini di seguirle. L’incomprensione e la poca chiarezza possono provocare fraintendimenti ed ignoranza, che poi sfociano in comportamenti pericolosi per se stessi e tutta la comunità. Oggi da Palazzo Chigi sono arrivati nuove disposizioni e si è cercato di fare chiarezza sulla questione degli “affetti” e delle persone che si possono incontrare. Al momento, infatti, il dubbio aleggia per tutta la nazione. I fidanzati sono congiunti? E’ possibile incontrare qualcuno che si ama? E se sbaglio qualcosa?

LEGGI ANCHE —> Covid-19, il bollettino del 2 maggio: torna a salire il numero dei morti

Covid-19, chi si può incontrare: le nuove disposizioni da Palazzo Chigi

Di seguito la lista delle persone che si potranno incontrare dal 4 maggio in poi, stilata dal Governo:

  • Coniugi
  • Partner conviventi
  • Partner delle unioni civili
  • Persone a cui siamo legati da uno stabile legame affettivo
  • Parenti fino al sesto grado (ad es. figli dei cugini)
  • Parenti affini fono al quarto grado (ad es. i cugini del coniuge).

Tuttavia si sottolinea che “È comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri”, in quanto il momento è delicatissimo. Spostarsi ed incontrare altre persone infatti non fa altro che “aumentare il rischio di contagio”, riporta Repubblica. Non c’è però un vero e proprio chiarimento sulle “persone a cui siamo legati da un legame affettivo”, che continua ad essere un’area molto grigia.

LEGGI ANCHE —> Renzi contro Conte: “Non fare il populista”. Governo ancora in crisi?

Torino truffa mascherine
Coronavirus, Torino (Foto: Getty)