Morte Kim Jong Un, l’annuncio arriverà dopo la successione

Morte Kim Jong Un, l’attesa è tutta per l’annuncio ufficiale. Una testimonianza importante da Pechino chiarisce quando potrebbe succedere

Kim Jong-Un
Kim Jong-un è clinicamente morto? (Getty Images)

Morte Kim Jong Un, in questi giorni le voci sono continuate incontyrollate, mentre dalla Corea del Nord non è ancora arrivato un annuncio ufficiale. Il dittatore è lettreralmente sparito dalla circolazione e c’è chi è sicuro che non potrà più farsi vedere in pubblico. Come il professor Francesco Sisci, professore di Relazioni internazionale all’Università di Pechino.

Intervistato oggi dal’Adnkronos, Sisci che conosce bene la materia, è stato chiaro: “Per quello che so, Kim è clinicamente morto“. Il professore non ha la certezza matematica, ma si basa anche sulle informazioni contrastasnti di questi gironi e sulla sua sparizione. E ipotizza uno scenario: “Credo quindi che l’annuncio della sua morte potrebbe arrivare quando la lotta di successione probabilmente in corso sarà conclusa”.

Non un capitolo da poco, in un Paese che rappresenta un polo strategico decisivo non solo nell’area Orientale del globo. Secondo le indiscrezioni di chi ha chiara la situazione in Corea, il posto del 36enne ex leader potrebbe essere preso dalla sorella, Kim Yo-Jon. Una della quale conosciamo poco, nemmeno la vera età (circa 30 anni) e che già fa parte del Comitato centrale del Partito dei lavoratori nordcoreano. L’altro nome caldo è quello dello zio, Kim Pyong-il, fratellastro del padre di Kim.

Sisci però crede poco a questa ipotesi: “C’è un problema: è stato fuori dal Paese per 40 anni e anche se sulla carta è più ‘titolato’ è fuori dai giochi. Kim Yo-Jong ha avuto le mani dentro l’apparato per dieci anni”. Ma sullo sfondo si affaccia anche la possibilitàò din un terzo nome, a sorpresa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Kim Jong-un: secondo la Corea del Sud è “vivo e vegeto”

Kim Jong Un morto, l’annuncio tarda ad arrivare e non tutti sono convinti

cadavere kim morto bufala
Kim Jong Un è sparito da 17 giorni (Getty Images)

Ma Kim Jong Un è realmente morto? In mancanza di comunicazioni ufficiali, molti contribuiscono alla confusione. Come Donald Trump che oggi è stato ermetico. Commentando la situazioke, ha detto di avere un’idea precisa ma che adesso non ne pulò parlare. In ogni caso sapremo tutto “in un futuro non troppo distante”. Il presidente amerioano qualche giorjo fa l’aveva bollate come una fake new, quindi dobbiamo immaginare che continui su quella linea.

In effetti il dittatore potrebbe essersi semplicemete rifugiato nella sua villa bunker di Wonsan per nopn rischiare contagi da Coronavirus. E lo farebbero anche supporre le parole di Kim Yeon-chul, ministro per l’Unificazione: ” Non credo che la sua assenza sia particolarmente inusuale, considerata l’attuale situazione”, ha dichiarato un’audizione in Parlamento.

Però molti ricordano che dopo la morte del precedente leader,  Kim Jong-il (padre di Jong Un) passarono almeno due giorni. E nessuno aveve sospettato che potesse essere successo qualcosa del genere. In più ci sono le condizioni di salute generale di Kim: obeso, grande bevitore e fumatore. Può bastare?