Fase 2, aeroporti e collegamenti aerei: per volare cambia tutto

Fase 2, aeroporti e collegamenti aerei: dai primi di maggio alcune compagnie torneranno ad assicurare i voli. Ma negli scali cambierà molto

alitalia covid-19 fase 2
Fase 2, Alitalia è quasi pronta per ripartire (Getty Images)

Fase 2, aeroporti e collegamenti aerei per ora sono tra le categorie più penalizzate e almeno fino ai primi di maggio rimarranno fermi. Uno stop forzato che è andato a penalizzare un settore già profondamente in crisi, non solo dalle parti di Alitalia. Ma la chiusura delle frontiere ha provocato anche la riduzione dei voli commerciali e ricominciare non sarà facile.

La domanda al momento è una sola: quando tornerà la normalità nei viaggi aerei? E la seconda arriva a stretto giro: quali saranno le rigidissime regole (questo è certo) prima di imbarcarsi e anche sui voli? Un rientro al traffico standard è ipotizzabile solo nel prossimo autunno e basta guardare le decisioni di alcune compagnie per capirlo. Alitalia a giugno tornerà operativa con una novantina di voli ed Emirates sempre a giugno ripristnerà poco alla volta i suoi collegamenti. Ma American Airlines, Air Canada e Thai Airways torneranno a volare da e per l’Italia solo a fine ottobre.

Prima, cioè già a maggio, anche per gli aerei varranno le stesse regole per gòi altri mezzi di trasporto. Viaggia solo chi è munito di autocertificazione e che possa giustificare improrogabili ragioni di lavoro o necessità assoluta. Ma questo è solo uno dei molti aspetti legati al volo, perché molto se non tutto è destinato a cambiare, almeno nei primi tempi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Alitalia, norme anti Covid-19: le regole da seguire in aeroporto e in volo

Aeroporti, le nuove regole per volare Più controlli a terra e meno code

covid-19 ryanair
Ryanair, per ora tutto fermo in Italia (Pixabay)

Partiamo dagli scali: tutte le aree aeroportuali saranno sanificate e igienizzate più volte al giorno. E gli spostamenti dei passeggeri dovranno essere modulati in funzione degli spazi, regolati sfruttando tecnologie avanzate come il riconoscimento biometrico. Non è escluso che agli imbarchi possano essere effettuati tamponi o test sierologici a chi si imbarca. Inoltre per evitare code ai banchi potrebbe essere obbligatorio fare check-in online.

Alitalia nei giorni scorsi ha già informato di alcune novità i passeggeri iscritti al programma ‘Millemiglia’. Termoscanner per rilevare la temperatura corporea prima della partenza, distanza di sicurezza obbligatoria durante tutte le operazioni effettuate in aeroporto. Ma anche la mascherina protettiva da indossare al momento di entrare in aeroporto.

Intanto Sea, che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa, ha già effettuato alcuni lavori. Pannelli in plexiglass per evitare il contatto diretto fra passeggero e addetti, code garantiscano almeno 1,5 metri tra un passeggero e l’altro. Ma anche un diverso sistema di distribuzione dell’aria all’interno delle aree aeroportuali, come in ospedale.

Perché se oggi il traffico aeroportuale è quasi pari a zero, dalla prossima settimana poco alla volta ricomincerà e nessuno può farsi trovare impreparato. Easyjet riprenderà i voli dal 3 maggio, Ryanair dall’8-9 maggio. mentre Vueling ed Eurowings dal 1° giugno e Blue Panorama dal 6-7 giugno.