5G dannoso? Colao spiega, il “web” equivoca e lancia la petizione – VIDEO

Il video della spiegazione di Vittorio Colao sul 5G scatena chi ritiene sia dannoso: parte la petizione, ma è tutto un equivoco

Video Colao 5G dannoso
Video shock Colao (Screenshot)

Quando si parla dei rischi connessi a parlare di certi argomenti senza averne le basi tecniche, si intende proprio ciò che in molti casi sta accadendo con le polemiche sul 5G dannoso per la salute. Almeno stando a chi lo contesta. Il capo della task force per la fase 2, Vittorio Colao, ha spiegato che cosa porterà la diffusione della tecnologia 5G, con alcuni esempi calzanti. Molta più velocità e molta più banda significa che si potranno scaricare e trasmettere più dati e più rapidamente, con sensibili miglioramenti anche sull’effetto latenza di trasmissione di segnale. Uno degli esempi di Colao sulla “remotizzazione dei controlli” riguarda la telemedicina, che consentirà di remotizzare anche i sistemi medici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, la proposta di Colao: nella Fase 2 tutti in bicicletta

Il video sul 5G di Colao e l’enorme equivoco nella petizione

Vittorio Colao vido 5G dannoso
Vittorio Colao (Getty Images)

“Si potranno avere in tempo reale le condizioni cliniche di una persona – spiega nel video l’ex ad di Vodafone – e magari iniettare o rilasciare una sostanza medica necessaria per la salute del paziente”. Subito è comparso sul web un aggiornamento alla petizione che vorrebbe ostacolare il 5G con un presunto “video shock” di Vittorio Colao che spiegherebbe come iniettare sostanze mediche in remoto. Naturalmente è tutto un grosso equivoco. Si parla ovviamente di comandare a distanza macchinari che possono comandare il rilascio o meno di sostanze abitualmente gestite dal personale medico. Non certo di inviare sostanze chimiche via etere. Una ricostruzione fantasiosa ai limiti del ridicolo, che però non ha impedito di far montare subito l’indignazione popolare su quello che fondamentalmente è un grosso misunderstanding. A meno che non sia scandaloso che un medico possa premere un pulsante anziché lo stantuffo di una siringa…

Ecco il video “incriminato” di Colao che parla del 5G: