Torino, presa la “banda dei nonni”: furti auto e colpi al bancomat – VIDEO

I Carabinieri di Torino catturano la “banda dei nonni”. Il gruppo di ultrasessantenni era specializzato in colpi a bancomat e furti di auto.

Torino banda
Colpo alla banda dei nonni (via Screenshot)

Colpi a bancomat e furti d’auto, erano queste le specialità della “banda dei nonni“, un gruppo criminale che agiva tra Torino e Cuneo. La banda, conosciuta anche come “banda degli ultrasessantenni” operava da diversi anni in zona e si era fatta riconsocere per colpi esplosivi ai bancomat presenti nelle due città piemontesi.

Così questa mattina i carabinieri di Torino hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di tre pregiudicati accusati di cinque furti e tentati furti agli Atm di Poste Italiane e varie banche di credito. Ma non solo, infatti l’organizzazione criminale è accusata anche di ben 9 furti d’auto, commessi sempre tra Torino e Cuneo.

Torino, la banda dei nonnni e la tecnica della “Marmotta”

Torino banda
Carabinieri eseguono misura cautelare contro tre pregiudicati (photo Gettyimages)

La “banda dei nonni” era riconosciuta dalle autorità locali soprattutto per l’suo della tecnica della “marmotta”. Inoltre la banda usufruiva anche di un consulente esterno, dipendente di un’armeria. Il collaboratore, infatti, forniva loro informazioni tecniche per il confezionamento degli ordigni. I carabinieri sono riusciti a rintracciare anche il consulente che adesso dovrà rispettare l’obbligo di dimora.

Le accuse più gravi nei confronti della banda sono ben due, ossia: Furto aggravato e detenzione di materiale esplosivo. Inoltre due dei ladri della banda sono già in carcere, messi in manette lo scorso 14 novembre dopo un colpo fallito al bancomat di Garessio.

Le “marmotte”, ossia gli ordigni con cui la banda faceva esplodere i bancomat, venivano testate su pareti blindate per provarne l’efficacia. Durante le indagini i carabinieri di Torino sono riusciti a sequestrare amteriale illegale come: chiodi a quattro punte, candelotti pirotecnici, disturbatori di frequenze, bande chiodate ed ordigni pronti per l’uso.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulla Cronaca, CLICCA QUI !