Carcere di Massama, detenuto ferisce 7 agenti per una chiamata negata

Carcere di Massama, detenuto ferisce 7 agenti per una chiamata negata. Dopo aver picchiato un poliziotto ha innescato un parapiglia con gli altri colleghi

Rissa nel carcere di Massama
Carcere di Massama, un detenuto ferisce 7 agenti per una chiamata negata (Foto: Getty)

Il carcere di Massama ad Oristano, è stata una delle case circondariali sull’orlo della rivolta a marzo per le condizioni sanitarie dei detenuti. Dopo l’esplosione della pandemia di coronavirus, i detenuti hanno fatto sentire la propria voce con incendi e risse all’interno, affiancate dalle manifestazioni dei familiari all’esterno. Questa volta il fatto di cronaca però non ha a che fare con il Covid-19 o con delle proteste di gruppo.

Nel carcere sardo un detenuto è andato in escandescenza dopo che gli è stata negata una chiamata al telefono. L’uomo ha fatto una telefonata ad un familiare e ha tentato poi di realizzarne un’altra non autorizzata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, rivolta nel carcere casertano: occupato un reparto

Carcere di Massama, detenuto ferisce 7 agenti: gli avevano negato una chiamata

Detenuto picchia agenti
Carcere di Massama, detenuto ferisce 7 agenti: gli avevano negato una chiamata (Foto: Getty)

All’interno dell’istituto oristanese ci sono al momento 260 detenuti. Uno di loro ha colto l’occasione per una telefonata negata per aggredire gli agenti della polizia penitenziaria. Appena gli hanno detto di non effettuare la seconda chiamata, l’uomo ha sferrato un pugno ad un agente, innescando un parapiglia che ha coinvolto altri 6 colleghi. In totale 7 agenti sono rimasti lievemente feriti e attualmente tre di loro sono in malattia con alcuni giorni di prognosi. Gli altri quattro hanno riportato solo alcune lievi contusioni.

Il direttore del carcere, Pierluigi Farci, ha dichiarato che l’episodio è rientrato nel giro di pochi minuti e che al momento la situazione è sotto controllo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Roma: protesta davanti al carcere di Rebibbia