Apple, allarme rosso iPhone: a rischio milioni di utenti

Apple allarme rosso su molti modelli iPhone e iPad: a rischio milioni di utenti per una falla di sicurezza nella mail. Ma l’azienda sta già risolvendo

ipad apple rischio
Ipad a rischio, Apple lavora per risolvere (Getty Images)

Apple, allarme rosso su molti modelli iPhone e iPad: sarebbero a rischio i dati di rischio milioni di utenti a causa di una falla di sicurezza nella mail. A lanciare l’allerta è stata una nota società di sicurezza informatica, la californiana ZecOps. E l’azienda è stata avvuisata a marzo, tanto che ora sta correndo ai ripari.

Dopo aver ultimato i controlli, ZecOps ha scoperto che esiste un problema di sicurezza su tutte le versioni del sistema operativo di iPhone e iPa. Questo almeno dall’iOS 6 che l’azienda di Cupertino aveva lanciato nel 2012 al momwento del rilascio di iPhone 5.Come spesso succede, nel mirno degli hacker ci sono i dati sensibili e le infomazioni sugli utenti.

E secondo chi ha scopetto il problema, almeno sei clienti di alto profilo sarebbero stati messi nel mirino degli attacchi. Come i dipendenti di una grande azienda americana. Ma anche il top manager di un famoso operatore mobile giapponese,un giornalista, un noto personaggio tedesco e dirigenti di compagnie tecnologiche saudite e israeliane.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> iPhone SE 2020, lo smartphone Apple a basso costo

Apple, allarme quasi superato, presto sarà pronta una correzione per tutti

iPhone SE Apple
iPhone, c’è una falla nella mail (Getty Images)

Come funzionava l’intrusione informatica? Gli hacker inviavano un messaggio di posta in apparenza vuoto. In realtà, una volta aperto dall’utente, mandava in tilt l’applicazione Mail e kla faceva friavviare. A quel punto i pirati informatici avevano libero accesso a dati e informazioni sensibilicomprese alcune conversazioni confidenziali.

Apple ha ammesso la gravità del problema ma sta anche lavorando alla sua correzione. In particolare sta per rilasciare una nuova patch di sicurezza che arriverà con il prossimo aggiornamento. In attesa di questa, i consigli di ZecOps sono sostanzialmente due.  Disabilitare Mail e di usare servizi di posta alternativi come Gmail di Google e Outlook di Microsoft.